Prosciolti i due giovani accusati di sottrazione di minore



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – All’udienza di giovedì, sono stati prosciolti dall’accusa di sottrazione di minore i due giovani accusati di aver portato via il figlio di un anno dalla casa famiglia di Tivoli in cui il bambino era stato collocato dal tribunale per i minorenni. Il giudice, infatti, ha accolto l’eccezione dell’avvocato Mario Del Pretaro, difensore della coppia, che ha rilevato che la querela prodotta dall’accusa non fosse valida.

Prosciolti i due giovani accusati di sottrazione di minore
In foto, l’avvocato Mario Del Pretaro

All’indomani del fatto, era stata la titolare della casa famiglia collocataria sporgere la querela contro i due genitori presso la locale stazione dei carabinieri, mentre, come sostenuto dalla difesa, solo il tutore o il curatore del minore, per legge, avrebbero potuto sottoscrivere la querela.

Secondo l’accusa, la coppia, una avezzanese di 20 anni e un magrebino di 24, si sarebbe introdotta di nascosto all’interno della casa famiglia in cui si trovava il minore e l’avrebbe portato via, eludendo la sorveglianza.

I responsabili della struttura non appena si erano avveduti del fatto avevano allertato i carabinieri di Tivoli che dopo poco avevano rintracciato i due genitori con il minore, intenti a tornare ad Avezzano.

Il giudice, tuttavia, ritenendo non valida la querela per i motivi esposti dalla difesa, ha prosciolto i due giovani dall’accusa. (L.T.)



Lascia un commento