Progetto per riportare alla luce il “Castello di Pietraquaria”, primo incontro in Comune con l’Archeoclub Marsica



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Promuovere la valorizzazione di un sito archeologico in cui sorge anche il santuario della Madonna di Pietraquaria. Ricomporre una memoria storica dimenticata da molti e valorizzare un’area già meta di turismo religioso con un sito archeologico che riporti alla luce quello che resta del Castello di cui si legge già in diverse accreditate fonti storiche.

È questo lo spirito condiviso nell’incontro che si è tenuto oggi pomeriggio al Comune di Avezzano, tra Umberto Irti, Laura Saladino, rispettivamente ex e attuale presidente dell’Archeoclub della Marsica, l’assessore con delega al Turismo del Comune di Avezzano, Rocco Di Micco e il sindaco di Tagliacozzo, Vincenzo Giovagnorio.

Due sono i punti su cui è stato costruito il primo appuntamento promosso dal sindaco Gabriele De Angelis, tra i rappresentanti dell’Archeoclub e l’amministrazione comunale di Avezzano che ha trovato la “complicità” anche del primo cittadino di Tagliacozzo.

La dottoressa Saladino e l’avvocato Irti hanno illustrato l’iniziativa, che ha già ricevuto l’ok della Soprintendenza dei beni culturali, di avviare dei lavori di ripulitura dell’area del Salviano che custodisce i resti del Castello per poi poter avviare tutta la fase preparatoria a future campagne di scavo. E quindi la realizzazione di una pianta dell’edificio, una planimetria, la raccolta dei documenti e l’avvio dello studio delle fonti. I rappresentanti dell’Archeoclub hanno spiegato la storia del Castello, di cui si legge nel Catalogus Baronum e  passaggi degli interventi possibili da promuovere con uno scavo basato sul metodo stratigrafico. L’intenzione sarebbe quella di prevedere una campagna di scavo annuale, che sia così sistematica.

Secondo punto trattato è stata l’iniziativa dell’assessore Di Micco di creare una rete tra i Comuni marsicani, per la valorizzazione dei siti fortificati del territorio. Il fine sarebbe quello di elaborare un progetto che acceda a fondi provenienti dalla Comunità europea, che mirino l’obiettivo della valorizzazione delle aree archeologiche. L’Archeoclub sarebbe parte attiva del progetto con la realizzazione di una catalogazione aggiornata delle evidenze e una raccolta delle fonti storiche.

Le due iniziative hanno trovato il consenso del sindaco di Tagliacozzo che ha testimoniato come lo studio delle tradizioni e la valorizzazione della storia del territorio marsicano, senza campanilismi, rappresentino un volano per il turismo.




Lascia un commento