Processo Antidormi per la morte di Marco Zaurrini. La Proia rigetta il patteggiamento e rinvia gli atti al presidente del tribunale



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Celano. I suoi avvocati avevano chiesto il patteggiamento a tre anni di reclusione.

Il giudice del tribunale di Avezzano Maria Proia (nella foto) ha rigettato il patteggiamento e ha spedito gli atti al presidente del tribunale. Negli atti c’è un vizio di forma nel conteggio degli anni per quanto riguarda il reato, si parla di continuazione dei reati e non di concorso di reati e per questo non si concluderà oggi il processo che vede imputato Luigi Antidormi accusato di aver investito e ucciso Marco Zaurrini, di soli 15 anni, a maggio del 2015, sulla strada che collega Paterno a Celano.

Gli avvocati di Antidormi, Luca Motta e Ciccarelli avevano chiesto il patteggiamento a tre anni che ha visto il dissenso in aula dell’avvocato della famiglia Zaurrini, Leonardo Casciere.

Una richiesta a cui irritualmente Casciere si è opposto.

La Proia si è ritirata in camera di consiglio e dopo poco è uscita rinviando di fatto la causa davanti al presidente del tribunale Eugenio Forgillo.

 

Notizia in aggiornamento…

 




Lascia un commento