Presider, ladri di rame puntano fucile contro il vigilantes



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Paura allo stabile della Presider. Poco fa è stato sentito lo sparo di alcuni colpi di arma da fuoco. Ancora non è chiaro che cosa sia accaduto ma da una prima ricostruzione dei fatti sembrerebbe che un vigilantes abbia sorpreso due uomini incappucciati, mentre stavano rubando dei cavi di rame.

Non si sa ancora se i ladri si trovano all’interno oppure se siano riusciti a scappare. Al momento non si sa se ci sono feriti. Sul posto ci sono gli agenti del commissariato di Avezzano ed i carabinieri.

Aggiornamento L’episodio si è verificato intorno alle dieci e trenta all’interno dello stabile ormai dismesso della Presider. Tutta la struttura è dislocata su di un’area di settantamila metri quadrati. Il vigilantes dell’Europol è entrato nell’area coperta ed ha trovato i due ladri incappucciati che stavano imballando dei cavi di rame e altri materiali. Il “bottino” era già stato confezionato. Il vigilantes ha intimato l’alt e uno dei due ladri ha tirato fuori un fucile a doppia canna, presumibilmente un doppietta da caccia, il ladro ha tentato di sparare ma probabilmente si inceppato il fucile o era scarico. Non è riuscito a fare fuoco, a qual punto il vigilanes ha sparato due colpi in aria, i due ladri sono poi fuggiti in direzioni diverse ed ancora adesso non si sa se si siano allontani dalla zona o sono comunque nei settantamila metri quadrati. Sul posto si è precipitato il custode che vive all’interno dello stabile con la sua famiglia.

La testimonianza del vigilantes: Quando mi hanno puntato il fucile contro mi è passata tutta la vita davanti, ho pensato a mia moglie ed ai miei figli, di delinquenti ne avevo già visti tanti ma mai mi avevano puntato un fucile contro. Mi si è gelato il sangue. Ho pensato di morire”.

La Presider ogni giorno viene presidiata H24 non solo dai vigilantes, ma anche da polizia e dai carabinieri. Il racconto del Vigilantes è impressionante e fa paura, l’espressione terrorizzata della moglie del custode parla da sé.

Mentre parliamo con il vigilantes risuona di nuovo l’apparecchio dall’allarme per una richiesta di intervento “la vita va avanti e anche il lavoro” conclude il vigilante Persia che si allontana per raggiungere un nuovo obiettivo da controllare.

furto-avezzano

senza-titolo-3
Il Vigilantes Persia

 




Lascia un commento