Prefettura prolunga le ricerche per Collinzio D’Orazio, il sindaco cercare nei garage e nei fabbricati rurali



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

San Benedetto dei Marsi – Le ricerche di Collinzio D’Orazio, il 51enne scomparso la sera di venerdì primo febbraio da San Benedetto dei Marsi, saranno prolungate ancora di qualche giorno. Lo ha deciso la Prefettura dell’Aquila, dove ieri si è svolta una riunione per fare il punto della situazione sulle ricerche che vanno avanti ininterrottamente da 15 giorni.

La periferia di San Benedetto dei Marsi e l’intera piana del Fucino sono stati ampiamente battuti dai Vigili del Fuoco e dai volontari della Protezione Civile. Gli inquirenti, al momento, non escludono nessuna ipotesi investigativa compresa quella che il 51enne possa aver trovato rifugio all’interno di garage, magazzini, box auto, stalle, fienili, pollai, siti recintati, seconde case, scantinati, caseggiati rurali e pertinenze varie abbandonate o poco frequentati dai rispettivi proprietari.

A tal proposito il sindaco di San Benedetto dei Marsi, Quirino D’Orazio, ha lanciato un ennesimo appello:

 “Rivolgo ai Cittadini di San Benedetto dei Marsi ed a quelli dei Paesi limitrofi, proprietari o utilizzatori, a qualunque titolo, delle dette tipologie di fabbricati il caloroso appello di andare a verificare personalmente se Collinzio D’Orazio, la notte della scomparsa, vi si possa essere intrufolato. Comprenderete bene l’importanza e la delicatezza di questa operazione – sottolinea il primo cittadino –Le forze dell’ordine non possono intervenire senza mandato specifico e non si può sorvolare il centro abitato per questioni di sicurezza e di privacy. Per tale motivo rivolgo a tutti di farsi Cittadini attivi e collaborativi, andando a verificare la presenza della persona scomparsa all’interno dei luoghi indicati” conclude D’Orazio.