Precari Asl1, in marcia per il futuro



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Marsica – Erano circa cento i lavoratori che si sono dati appuntamento a Pescara nella mattinata di martedì, 23 febbraio, in piazza Sacro Cuore, e da lì hanno marciato fino a piazza Italia, dinanzi agli uffici nei quali si teneva la seduta del Consiglio regionale.
Nel corteo, con i dipendenti di Attiva – una municipalizzata pescarese – che chiedono la stabilizzazione dopo quasi dieci anni di contratti a tempo determinato, i lavoratori precari della Asl Avezzano-Sulmona-L’Aquila, che vogliono certezze per il futuro e aspettano il pronunciamento del Tar sulla vicenda delle presunte irregolarità che si sarebbero verificate durante l’espletamento della prima prova del concorso per operatore socio sanitario indetto dalla Asl1.

Alla vicenda si era interessata anche la senatrice Stefania Pezzopane, che aveva chiesto l’intervento della Regione, sollecitando, in attesa del pronunciamento del Tar, “ un’indagine interna per fare luce sulle numerose irregolarità denunciate”. La richiesta era giunta dopo l’incontro con diversi concorrenti esclusi dalla prima prova del concorso, molti dei quali già da anni dipendenti precari dell’Ente.

Il lungo corteo ha mandato in tilt il traffico nel centro cittadino ma, nonostante ciò, diverse sono state le manifestazioni di solidarietà da parte dei cittadini.
C’è rabbia tra i manifestanti marsicani, ma anche speranza, insieme a un pizzico di disillusione, che però non mina la volontà di lottare per il diritto fondamentale alla dignità del lavoro e per ottenere chiarezza. “ Abbiamo apprezzato la partecipazione del consigliere regionale Maurizio Di Nicola – hanno voluto rimarcare molti dei precari –  ha accolto la delegazione e si è fatto presente con una grande disponibilità, come anche presente è stata la senatrice Stefania Pezzopane che nei giorni scorsi ha chiesto l’intervento della Regione riguardo al concorso per OSS sulla cui regolarità aspettiamo che si pronunci il Tar. Noi comunque non getteremo la spugna”. I manifestanti hanno raggiunto il Comune di Pescara cantando l’inno nazionale.

 




Lascia un commento