Piano Assetto Idrogeologico, entrate in vigore le varianti per i comuni di Aielli, Massa D’Albe e Collelongo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Con decreto n. 62 del 23 gennaio 2019 (pubblicazione in Gazzetta Ufficiale n. 41, serie generale, del 18 febbraio), a firma del segretario generale dell’Autorità di bacino distrettuale dell’Appennino meridionale, sono state adottate le Varianti al Piano stralcio per l’assetto idrogeologico – rischio di frana (PSAI) relativamente a settori di territorio dei comuni di Aielli, Massa D’Albe e Collelongo.

Le varianti riguardano in particolare: per Massa D’Albe, la riduzione dell’area del territorio comunale situata nella zona pedemontana circostante l’abitato della frazione Forme, definita “Area a rischio molto elevato – R4” e “Area di alta attenzione – A4“, la cui perimetrazione è stata ora spostata verso il limite inferiore del monte; per Aielli, invece, si tratta dell’ampliamento di una zona già considerata a rischio medio-alto (A3) ed elevato (A4) “per la presenza di una frana in atto” ed è stata perimetrata una nuova area ad alta attenzione A4 “per la presenza di una scarpata in degradazione“, a seguito di uno specifico studio trasmesso dall’amministrazione comunale in cui si segnalava un dissesto idrogeologico in atto che interessa la porzione occidentale del centro storico; per quanto riguarda Collelongo, infine, la variante appena approvata “ridefinisce e amplia” alcune aree a rischio molto elevato e di alta attenzione tra cui i territori in corrispondenza dei settori montani dei bacini di Valle del Casale e di Valle dei Cerri. Tutti e tre i comuni hanno trasmesso all’Autorità di bacino dati, approfondimenti e studi geologico-idraulici specifici relativi alle aree oggetto di interesse.

Ora, si legge all’art. 3 del decreto, spetta agli Enti locali competenti assicurare, nelle aree classificate a rischio molto elevato e alto, una continua attività di monitoraggio finalizzata al controllo del rischio. La documentazione è stata depositata a Caserta, presso la sede centrale dell’Autorità, e alla Regione Abruzzo ed è consultabile sul sito istituzionale ildistrettoidrograficodellappenninomeridionale.it.