Ovindoli, assegno di maternità e congedo parentale: i valori anno 2021

Ovindoli – Il Comune di Ovindoli ricorda le regole per l’assegno di maternità dei Comuni e il congedo parentale secondo i valori riferiti all’anno 2021.

L’INPS fornisce indicazioni sull’assegno di maternità di base di cui all’art. 74 del d.lgs. 151/2001 e sui congedi parentali straordinari. Con circolare 68/2021 del 22 aprile, l’INPS fa il punto sul quadro dei nuovi valori per le indennità convenzionali” scrive il Comune.

Vediamo quelle che interessano anche i comuni e i lavoratori pubblici” continua “Assegno di maternità dei comuni (art.74 d.lgs. 151/2001). Sulla base del Comunicato della Presidenza del Consiglio dei Ministri-Dipartimento per le Politiche della famiglia, recante “Rivalutazione, per l’anno 2021, della misura e dei requisiti economici dell’assegno per il nucleo familiare numeroso e dell’assegno di maternità” (G.U. n. 36 del 12 febbraio 2021), si evidenzia che, per le nascite avvenute nel 2021, nonché per gli affidamenti preadottivi e le adozioni il cui ingresso in famiglia sia avvenuto nel 2021, la misura dell’assegno di maternità di base e il valore dell’indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.) sono:

  • assegno di maternità di base (in misura piena) pari a 348,12 euro mensili per complessivi 1.740,60 euro;
  • indicatore della situazione economica equivalente (I.S.E.E.) pari a 17.416,66 euro.

Congedo straordinario. I lavoratori dipendenti hanno diritto a un congedo straordinario per l’assistenza di familiari in situazione di grave disabilità, della durata massima di due anni nell’arco della vita lavorativa.

L’indennità ricevuta durante l’assenza è pari alla retribuzione dell’ultimo mese di lavoro precedente l’avvio del congedo, entro un limite massimo inizialmente fissato (nel 2001) a 70 milioni delle vecchie lire (euro 36.151,98) e rivalutato annualmente, da ripartire con gli oneri dell’accredito figurativo dei contributi.

Nel 2021, spiega l’Inps, il tetto resta di 48.737,86 euro, di cui 36.645,00 euro per l’importo dell’indennità (100,40 euro giornalieri)”.