Ottobre in una poesia della scrittrice Maria assunta Oddi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Come diceva Albert Camus ottobre “Quando ogni foglia è un fiore” è il mese in cui tutto esplode con la sua ultima bellezza nell’effimera esaltazione dei colori luminosi ed intensi in una sinfonia di mutamenti. La natura è ora prodiga d’azzurri e di scarlatti, di gialli e di ocre a nascondere la malinconia del tempo che passa.

Sera d’ottobre

Una fila di case nude di pietra

In simmetria tra le brume

Posate sopra l’arco delle nubi

Aprono finestre di luce chiara

Come occhi azzurri spalancati

Nella silenziosa quiete dell’aria.

Dall’erta aspra del borgo da lungi

Il riverbero bianco della luna

Con l’accento di un passo

Di viandante specchia

Del bosco sacro ad Angizia

Di foglie d’oro e stelle d’argento

L’ultimo strazio.

E’ il mio cuore senza quiete

Un dirupo sul buio cerulo.

Potessi questa sera di ottobre

Gettare l’ancora nel tuo abbraccio!