La festa delle nonne, dei nonni e dei nipoti, Unicef e pro loco di Avezzano insieme



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Oggi sabato 2 e domani domenica 3 ottobre, nella sede della pro loco di Avezzano, in via Corradini, sarà celebrata la tradizionale Festa dei nonni e dei bambini, un momento importante di incontro per scambiare doni, il cui ricavato è destinato ai bambini più sfortunati di tutto il mondo. L’UNICEF, ha sempre avuto un legame molto stretto con i nonni, figure fondamentali per la crescita dei più piccoli. In occasione dei 75 anni dell’organizzazione, riconosce loro un ruolo di veri e propri Ambasciatori di pace, in quanto custodi della memoria storica, promotori di solidarietà intergenerazionale, costruttori di una società non violenta.

Il 75° anniversario dell’UNICEF, che si celebra quest’anno, ricorre in un momento storico di grande difficoltà, per tutti i paesi del mondo. In ogni luogo del pianeta la pandemia causata dalCOVID-19 ha avuto ricadute pesantissime sulla vita delle comunità e dei singoli, accrescendo le disparità economiche, sociali, educative.

Bambine, bambini e adolescenti sono ovunque tra i soggetti più vulnerabili. Per loro sono stati lesi non solo i diritti alla vita, allo sviluppo e alla salute, ma anche alla non

discriminazione, all’ascolto, all’educazione, alla protezione dalla violenza.

La pandemia non ha, però, fermato le guerre, che continuano a uccidere e distruggere case, scuole, ospedali, campi e luoghi di lavoro, e con essi le speranze e il futuro di milioni di persone.

Per questo il Comitato Italiano per l’UNICEF – Fondazione Onlus è impegnato nel nostro Paese ad attivare e supportare reti capaci di consolidare il legame tra le generazioni, la coesione e la solidarietà sociali.

Le esperienze vissute dalle persone più anziane costituiscono uno straordinario patrimonio umano, etico e culturale, di cui è importante promuovere la conoscenza e a cui dar valore. Valore della memoria storica, solidarietà intergenerazionale, promozione della partecipazione, costruzione di una società non violenta sono i cardini di questa festa che celebra i nonni come Ambasciatori di Pace.