Ottavo giorno di sciopero della fame per Cicchinelli: “Voglio un confronto con De Angelis”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Continua la protesta di Augusto Cicchinelli, coordinatore e socio del Gal Terre Aquilane. Siamo giunti all’ottavo giorno di sciopero della fame, mentre da qualche tempo Cicchinelli – sotto consiglio del suo medico curante – ha deciso di riprendere la cura di medicine a lui necessarie per vivere.

Cicchinelli, da più di una settimana, si sta battendo contro la modalità con cui è stato eletto il nuovo Cda, che lui ha più volte definito “illegale”. Al momento, nel Gal Terre Aquilane infatti, coesistono due consigli: quello presieduto dall’avvocato Antonio Carlini – eletto con la maggioranza delle quote societarie e che per questo si ritiene legittimato a svolgere il proprio mandato – e quello presieduto da Rocco Di Micco, che ritiene illegittima la modalità di elezione del nuovo Cda. Una situazione che ha già portato qualche grattacapo al Gal Terre Aquilane: lo scorso 2 agosto, infatti, era prevista l’assegnazione dei Fondi Leader da parte della Regione ai Gal abruzzesi: mentre sei di loro hanno firmato la convenzione ricevendo circa 4 milioni di euro, il Gal Terre Aquilane non ha ricevuto niente perchè la Regione – vista la situazione – vuole prima sapere quale dei due Consigli è autorizzato a gestire i fondi.

In tanti, in questi giorni, hanno solidarizzato con l’iniziativa di Cicchinelli: tra gli altri, il consigliere regionale Maurizio Di Nicola e l’ex Sindaco di Avezzano Giovanni Di Pangrazio. 

Cicchinelli, dal canto suo, ha dichiarato di essere disposto ad interrompere la protesta solo per confrontarsi con il Sindaco di Avezzano, Gabriele De Angelis, a cui nei giorni scorsi ha inviato anche una lettera minacciando di incatenarsi davanti al municipio in caso di mancato confronto.




Lascia un commento