Ospedale di Tagliacozzo, il sindaco Giovagnorio: “Il Comitato Pro Ospedale è solo Rita Tabacco. La sua azione dannosa per la città”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Tagliacozzo. Un infuocato consiglio comunale si è tenuto questa mattina a Tagliacozzo. Il sindaco Vincenzo Giovagnorio, dopo il botta e risposta dei giorni scorsi su il discusso punto all’ordine del giorno riguardante la Sanità, non ha usato mezzi termini e una volta per tutte ha fatto chiarezza su come, a suo dire, bisogna agire per tutelare il presidio sanitario cittadino.

Giovagnorio ha ribadito come in più di un’occasione si sia ritrovato in Regione, in Prefettura e in altri Enti, per discutere dell’ospedale di Tagliacozzo e di come si sia trovato di fronte a persone esasperate dal modo di fare di Rita Tabacco, a capo di quello che di fatto è il Comitato Pro Ospedale, che però, secondo il sindaco, non è una rappresentanza del pensiero dei cittadini di Tagliacozzo. O meglio, non è esasperando le persone con ricorsi a tribunali, a ministeri e quant’altro che si riesce ad ottenere vantaggi o quantomeno attenzione.

Il sindaco ha così posto una pregiudiziale sul punto all’ordine del giorno richiesto dalle minoranze e riguardante una discussione che si sarebbe dovuta tenere in consiglio comunale circa la situazione della sanità tagliacozzana e le problematiche dell’ospedale Umberto l.

Il Consiglio Comunale si è pronunciato contro tale proposta e il Sindaco ha motivato il severo atto, citando tra l’altro altri quattro interventi già svoltisi in precedenti Consigli, e richiamando i Consiglieri di opposizione ad una più seria ed equilibrata azione politica nei confronti della delicata situazione del presidio ospedaliero.

Precisa il Sindaco: “Non accetteremo alcuna interlocuzione in sede istituzionale e anzi respingeremo con decisione tutte le iniziative ispirate dalla dannosa e sterile azione di contrasto politico e giudiziario portata avanti negli ultimi anni, senza alcun risultato positivo, dal cosiddetto Comitato pro Ospedale e da quanti ne sposano le deliranti rivendicazioni. Bisogna definitivamente prendere atto – ma ciò è ormai davanti agli occhi di molti – che l’unico componente di questo sedicente comitato è la Sig.ra Rita Tabacco che da anni attacca ossessivamente e prescindendo dal colore politico i governi regionali che si sono succeduti nelle ultime tre legislature, ridicolizzando e vanificando ogni possibilità di riportare su un tavolo di ragionevolezza e di concretezza la questione sanitaria che è nel cuore di tutti. Purtroppo il paziente e costante lavoro portato avanti dalla nostra Amministrazione è spesso intralciato dal pessimo giudizio che hanno gli organismi sovracomunali e sanitari con i quali è invece necessario interloquire civilmente per difendere ciò che ci è possibile avere, nel pieno rispetto delle leggi nazionali e regionali in materia di sanità. È pura fantascienza poter ancora sperare di riattivare servizi medici e chirurgici così come propagandato dalla Sig.ra Tabacco. Faremo tutto quanto è possibile per difendere il Punto di Primo Intervento e il nostro Presidio ospedaliero così come è stato riorganizzato dal necessario piano di riordino della sanità regionale. Non dobbiamo dimenticare infatti che l’Abruzzo esce da poco da un lungo commissariamento resosi necessario nell’ultimo decennio a causa di una pessima gestione finanziaria che ha prodotto la situazione attuale. È giunto il momento di cambiare metodo anche per la risoluzione delle problematiche del nostro presidio ospedaliero e non può essere un comitato formato da una sola persona a dettare l’agenda dell’attività amministrativa”.




Lascia un commento