Operatori Socio Sanitari ASL 1, Santangelo: “ridurre i contratti in somministrazione e internalizzare i servizi”



Abruzzo – “Ritengo sia doveroso cogliere l’opportunità che il PNRR offre alla sanità, in particolare a quella abruzzese, per riallinearci al paradigma virtuoso offerto dalla ASL di Chieti che, in forza di un percorso iniziato nell’estate del 2021, ha recentemente provveduto alla reinternalizzazione delle attività socio-sanitarie garantite da personale OSS appartenente a Cooperative sociali in forza di un contratto di appalto; nello specifico presso la ASL2 ad oggi sono stati internalizzati circa 160 Operatori Socio Sanitari“.

Lo scrive in una nota il vicepresidente vicario, Roberto Santangelo, che sottolinea: “La necessità di procedere ad una graduale riduzione dell’utilizzo dei contratti in somministrazione e alla reinternalizzazione delle attività socio-sanitarie attualmente appaltate, propende alla valorizzazione e conservazione delle competenze acquisite nonché al dovuto riconoscimento professionale ai lavoratori del settore, mettendoli al riparo, tra l’altro, dalla censurabile consuetudine di stipule contrattuali che non sempre corrispondono a quanto stabilito nel CCNL; la dignità della persona e del lavoratore va di pari passo ad un servizio sanitario di qualità“.

“Progetto pilota per la nostra ASL1 – continua Santangelo – potrebbe essere quello relativo ai lavoratori socio-sanitari della RSA di Montereale, struttura di assistenza territoriale che attualmente si avvale di personale medico ASL e di personale paramedico contrattualizzato da Cooperative del settore; opportuno e doveroso è ridiscutere la posizione di detti lavoratori in virtù della del fatto che è scaduto in questi giorni il contratto in essere con la Cooperativa di riferimento“.

E’ mia intenzione convocare un tavolo con il management della ASL1-Avezzano-Sulmona-L’Aquila per proporre un percorso di internalizzazione del servizio nella nostra struttura sanitaria applicando la clausola sociale a salvaguardia degli operatori fino ad oggi contrattualizzati da Cooperative; sono convinto del positivo risvolto che si potrebbe avere in termini di arricchimento professionale e di mantenimento del livello occupazionale, certo che tale iniziativa potrà trovare una giusta collocazione all’interno del progetto di ristrutturazione e di riqualificazione che si sta portando avanti all’interno della ASL1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila” conclude il vicepresidente Roberto Santangelo.

Fonte: Consiglio Regionale dell'Abruzzo


Leggi anche