Nuovo elettrodotto a 150 kV, espropri a Celano, Avezzano, Magliano e Cerchio



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Terna, proprietaria della Rete di Trasmissione Nazionale italiana dell’elettricità in Alta e Altissima Tensione, si prepara ad avviare i lavori necessari alla realizzazione di un nuovo elettrodotto. Tecnicamente l’azienda parla della messa in opera della Stazione Elettrica (S.E.) di Celano a 150 kV con razionalizzazione dell’esistente rete elettrica di trasmissione nei Comuni di Celano, Avezzano, Magliano dei Marsi e Cerchio. Una linea che percorrerà più di otto chilometri del territorio marsicano e che permetterà, secondo quanto viene esplicitato nell’apposito avviso, “di razionalizzare l’esistente rete di trasmissione, rinforzare la magliatura della rete elettrica nazionale e ottenere una migliore ripartizione dei transiti di potenza sulle varie linee elettriche presenti“.

Con l’avviso di approvazione del progetto definitivo viene anche dichiarata la pubblica utilità dell’opera e vengono imposti i vincoli preordinati all’asservimento coattivo. Il Ministero dello Sviluppo Economico, di concerto con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, ha inoltre prorogato di due anni il termine di ultimazione dei lavori di realizzazione della Stazione elettrica di Celano che, in base a un protocollo sottoscritto qualche mese fa, verrà collocata nell’area dell’ex cava di estrazione in via Vestina, il che permetterà la messa in sicurezza e la riqualificazione di questa zona.

Gli interventi, in base al progetto di Terna, consentiranno il trasporto in sicurezza della piena potenza elettrica dai centri di produzione idroelettriche ai diversi centri di utilizzazione. La società ha ricevuto dai Ministeri la delega, con facoltà di sub-delega, a esercitare tutti i poteri espropriativi previsti dalle leggi e a emettere e sottoscrivere i decreti di asservimento coattivo, d’espropriazione e retrocessione, le autorizzazioni al pagamento delle indennità provvisorie e definitive, e di espletare tutte le attività connesse ai fini della realizzazione dell’elettrodotto.

Nell’avviso in questione è allegato anche l’elenco dei proprietari dei fondi interessati dagli interventi. Infine, si avvisa che tutti i documenti relativi al procedimento espropriativo sono depositati presso gli uffici della Società Terna Rete Italia S.p.A. siti in Napoli, Via Aquileia n. 8 e restano a disposizione per essere visionati.