Nuovi positivi a Luco dei Marsi: registrati altri 25 casi, il totale sale a 57



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Luco dei Marsi – “Ho ricevuto poco fa un aggiornamento circa i nuovi casi di contagio riferiti a nostri concittadini. Sono ulteriori 25 casi. Venticinque, che sommati ai 32, comunicati oggi, portano a BEN 57 i casi accertati in tre giorni” lo comunica la sindaca Marivera De Rosa.

“È una situazione che richiede misure adeguate, e più della massima attenzione che continuo a raccomandare, perché in una situazione del genere, in cui i contagi si propagano a macchia d’olio, siamo tutti esposti a potenziali gravi rischi: nessuno escluso, ma in particolar modo gli anziani, le fasce fragili, e chi per qualunque motivo ha già delle vulnerabilità, anche transitorie, per cui il contagio può rappresentare una catastrofe. Molti tra i contagiati sono di giovane età, età in cui una sbadataggine può avvenire più facilmente, invito perciò le famiglie a sensibilizzare i ragazzi ad attenersi rigorosamente alle misure di sicurezza”.

” Avevo anticipato nei giorni scorsi che stavamo organizzando un nuovo screening, purtroppo l’operazione è al momento sospesa per disposizione degli Uffici regionali competenti (potete leggere la comunicazione integrale di seguito), e siamo in attesa di nuove indicazioni. Stiamo valutando ulteriori provvedimenti per arginare questa ondata, intanto invito tutti a usare la massima cautela”.

Oggetto: interruzione distribuzione tamponi antigenici rapidi ai comuni In attuazione dell’Ordinanza del Presidente n. 47 del 31.12.2021 il referente regionale per la vaccinazione COVID dott. Brucchi (in cc) ha disposto l’interruzione della distribuzione dei tamponi antigenici rapidi nella disponibilità della Protezione civile regionale, in attesa di poter compiere una valutazione più precisa della distribuzione alle AA.SS.LL. in base alla popolazione scolastica destinataria dello screening.Per tanto, si dispone l’immediata interruzione della distribuzione dei tamponi antigenici rapidi ai Comuni e agli enti richiedenti fino a nuova disposizione.

Mauro Casinghini