Nuova linea Roma-Pescara via L’Aquila: rappresentanti del comitato aquilano incontrano la ministra Mara Carfagna



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Si è tenuto mercoledì 6 ottobre 2021, l’incontro tra i rappresentanti del tavolo di confronto “L’Aquila collegamenti ferroviari veloci” e il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale Mara Carfagna.
Il confronto tra le due parti è stato stabilito dopo che, in occasione della visita di Mario Draghi a L’Aquila, il comitato cittadino ha scritto una lettera indirizzata proprio all’attuale presidente del consiglio e alla ministra per il Sud e la coesione territoriale.

Tema dell’incontro, le istanze espresse dal territorio aquilano ad oggi escluso, insieme a tutto il territorio del nord della regione, dalla progettualità infrastrutturale messa in campo per modernizzare, collegare e attraversare la regione Abruzzo nell’ottica della creazione di corridoi trasversali da costa a costa. I portavoce del comitato, Roberta Gargano, Gabriele Curci e Fabio Fiori, hanno rappresentato, si legge in una nota del comitato, “la situazione inaccettabile del capoluogo della regione Abruzzo” e portato richieste e proposte “che completerebbero il quadro dei collegamenti ferroviari in un ottica di inclusione dei territori e di sinergia con le giuste aspettative della provincia di Teramo, di Ascoli e di Rieti”.

“Grande apertura è stata dimostrata dal Ministro Carfagna che, insieme al suo staff di collaboratori, era a conoscenza delle problematiche e dello stato dell’arte degli studi di fattibilità e delle progettazioni e che ha assicurato l’intervento del Ministero da lei guidato per promuovere e sostenere l’inserimento del territorio aquilano nel quadro delle nuove infrastrutture da progettare coinvolgendo gli altri Ministeri e RFI”.

“Il comitato di cittadini esprime la propria soddisfazione e l’augurio che la nostra regione entri finalmente e per intero nella discussione nazionale di riequilibrio fra territori e possibilità di sviluppo sostenibile”.