Novembre, arrivano i primi freddi



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Novembre è l’undicesimo mese dell’anno secondo il calendario gregoriano e il terzo e ultimo mese dell’autunno nell’emisfero boreale, della primavera nell’emisfero australe, conta 30 giorni e si colloca nella seconda metà di un anno civile. In questo mese si ricordano i defunti, il primo di novembre infatti ricorre la solennità di Ognissanti e il giorno seguente la Commemorazione dei defunti. Il nome deriva dal latino november, novembris, derivato a sua volta da novem, nove, perché era il nono mese del calendario romano, che iniziava con il mese di marzo, era consacrato a Diana, Dea della caccia, la quale era rappresentata con arco e frecce. Diana era anche la Dea della luna, come il fratello Apollo era il Dio del Sole. .

Fino al 470 a.C. era seguito da Maglio, mese di caccia imperiale, tradizione adottata dall’Impero romano d’Oriente secondo la cultura longobarda. Nel calendario della Rivoluzione Francese, Novembre si chiamava Brumaio. In questo mese si festeggia Halloween, festa importata dagli Stati Uniti che demonizza la paura della morte. Cominciano le prime brine, ma il contadino non teme il freddo e la mattina si alza presto, perché i giorni sono corti ed egli deve provvedere ai campi.

Quindi bada alla concimazione dei prati e, nelle zone temperate, alla piantagione autunnale degli alberi da frutto. Dove l’inverno è rigido, egli provvederà a primavera. In molti paesi dell’aquilano si colgono, in questo mese, i fiori dello zafferano. Una volta le donne, di buon mattino, andavano al campo, ch’era tutto tappezzato di piccoli fiori gentili, e con grande sveltezza, li tiravano fuori, quasi beccandoli con due dita, e li ponevano nei cesti. A casa i fiorellini si facevano asciugare ed aprire al sole, ed infine si estraevano i piccoli steli rossastri che avevano un odore acuto e un sapore amarognolo.

Questi steli si spargevano sullo staccio, si facevano seccare al fuoco e si vendevano per essere adoperati in tintoria, in farmacia ed anche in cucina. Oggi si usano macchinari ma alcuni passaggi rimangono invariati nel tempo: la tradizione non conosce il progresso.

Ricorrenze di novembre:
1 novembre 1993 nasce l’Unione Europea
2 novembre 1975 avviene il delitto Pasolini
3 novembre 1914 debutta il reggiseno
4 novembre 196 alluvione di Firenze
8 novembre 1895 Rontgen scopre i raggi x – 1934 Pirandello ottiene il premio nobel
11 novembre 1918 termina la Prima Guerra Mondiale
17 novembre 1869 inaugurazione canale di Suez
19 novembre 1901 brevettata la macchina del caffè espresso
22 novembre 1963 assassinio di J. Kennedy
23 novembre 1980 terremoto dell’Irpinia
26 novembre 1922 scoperta la tomba di TutanKhamon
29 novembre 1947 nasce Israele
Motti e proverbi:
San Martino ogni mosto è vino
Chi semina vento raccoglie tempesta
Tanto va la gatta al lardo che ci lascia lo zampino
Bandiera vecchia onor di capitano




Lascia un commento