Nicola Pisegna Orlando critica l’operato della Provincia dell’Aquila in materia di viabilità, “molte risorse, pochi interventi”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Vallelonga – Nicola Pisegna Orlando a testa bassa contro l’operato della provincia dell’Aquila in materia di “viabilità e manutenzione strade”, nel territorio della Vallelonga e non solo. Affida il suo malcontento ad una nota stampa in cui evidenzia quelle che dovrebbero essere le criticità della gestione dei fondi e puntualizzando le carenze, argomentando e criticando duramente gli interventi fatti.

Cosi Nicola Pisegna Orlando Nella Nota:

Da due anni a questa parte la Provincia dell’Aquila non esiste nell’alta Vallelonga . Nel periodo delle nevicate sono stati numerosi gli incidenti stradali provocati dal ritardo nella pulizia e nello spargimento del sale, nel periodo estivo il tratto Trasacco – Villavallelonga della S.p. 19 è stato l’ultimo ad essere interessato dallo sfalcio dell’erba.

Gli ultimi lavori che hanno riguardato il rifacimento dei tratti più ammalorati di asfalto risalgono alla Presidenza De Crescentiis   come pure la messa in sicurezza e la risistemazione del Ponte Grosso, il rifacimento della segnaletica orizzontale e la sostituzione di guardrail  divelti.

Da due anni, ripeto, il nulla, nonostante le promesse del delegato alla viabilità di rivedere la rotatoria di congiunzione tra via Pecorale e S.p. 19 e di continuare la risistemazione dell’asfalto. Gli stessi lampioni sulle rotatorie di via Pecorale, installati da venti mesi, sono ancora spenti; per lunghi tratti mancano ormai da mesi  i “ delineatori di margine” con ovvia e grave compromissione della sicurezza di chi guida . Mi rendo conto che i poco più di 2000 abitanti di Collelongo e Villavallelonga interessano solo nel periodo elettorale ma credo che alla scadenza del mandato, ormai prossima, il Presidente della Provincia o chi per lui debba dirci qualcosa.

Se poi vogliamo parlare dell’attività complessiva della Provincia in Marsica, ad eccezione di un breve tratto di ripristino del manto stradale  in località Petogna (Luco dei Marsi), non ho visto grandi cose; assordante pure il silenzio per la mancata attivazione del Liceo coreutico musicale ad Avezzano per il quale negli anni, consiglieri all’opposizione, ora  in maggioranza, si strappavano le vesti ed inondavano di comunicati stampa i giornali.

Per l’edilizia scolastica non mi sembra siano stati ultimati gli interventi al Liceo scientifico, e nessuna presa di posizione per lo spostamento del mercato a ridosso dell’IIS “E. Majorana” che dal mio modestissimo punto di vista pregiudica  gli interventi d’urgenza e l’evacuazione di più di mille persone (tra studenti e personale docente e non docente ) in caso di terremoto o incendio.

Anche per il Centro Spaziale del Fucino nulla è stato fatto sul versante che collega l’impianto alla S.p. 20 in direzione S. Benedetto dei Marsi. Tutto questo in una situazione finanziaria estremamente favorevole e completamente diversa rispetto  a quella precedente. Nell’ultimo esercizio finanziario della precedente consigliatura i trasferimenti dello Stato sulla spesa corrente per la viabilità sono stati inferiori a 5 milioni di euro, nell’anno 2017 sono aumentati a 15 milioni, nel 2018 a16 milioni.

I trasferimenti in conto capitale, sempre per la viabilità,  sono passati da 5,4 milioni del 2016 a 19,8 milioni nel 2017 ed a 18 nel 2018. A fronte di questi ingenti trasferimenti,  solo in questi giorni vengono pubblicati i bandi per i fondi Masterplan assegnati alla nostra Provincia dal Governo D’Alfonso.