Neurochirurgia non riaprirà. Iampieri (Forza Italia) annuncia l’inizio della protesta davanti alla direzione della Asl



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano. “La risoluzione del consiglio regionale che all’unanimità aveva impegnato il presidente della Regione D’Alfonso e l’assessore Paolucci ad attivarsi per far sì che Neurochirurgia riaprisse in tempi stretti ad Avezzano e le reiterate promesse del manager Tordera di dare seguito a tale indicazione politica, non si sono tradotte in alcuna azione concreta”.

Il consigliere regionale di Forza Italia, Emilio Iampieri non usa mezzi termini per annunciare l’avvio di una protesta contro la mancata riapertura del reparto di Neurochirurgia ad Avezzano.

“Il manager Tordera, messo alle strette dal sottoscritto, si è trincerato dietro al decreto 79 dello scorso luglio, comunicandomi che Avezzano non avrà più né i quattro posti letto né l’attività chirurgica. Al posto del reparto rimarrebbe un ambulatorio telematicamente collegato a L’Aquila. Una presa in giro che suona come la mortificazione di tutti i consiglieri regionali che hanno votato la risoluzione (che chiedeva ben altro che un mero ambulatorio), dei sindaci della Marsica, che avevano ricevuto rassicurazioni sul ripristino del servizio, e tutti i cittadini della Marsica. Noi non lo accettiamo e da lunedì inizieremo l’annunciata manifestazione di protesta e non ci fermeremo fino a quando il reparto sarà riaperto”.

“L’appuntamento è per le ore 11 di lunedì 13 febbraio nel parcheggio antistante l’Ospedale” conclude il consigliere regionale, “da cui partiremo tutti insieme per raggiungere la sede degli uffici direzionali della ASL di L’Aquila. Hanno già aderito il consigliere provinciale Gianluca Alfonsi e molti sindaci della Marsica, ma soprattutto rivolgiamo l’appello a tutte le forze politiche e sociali, al di là delle appartenenze politiche, e a tutti i cittadini che, come noi, non intendono rassegnarsi all’ennesima beffa”.




Lascia un commento