Nativi digitali, sempre più stimoli per i piccoli da internet e pc. Se ne parla in un convegno



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa
Avezzano. L’uso degli smartphone, tablet e videogiochi da parte di minori è sempre più frequente. Siamo di fronte alla generazione dei “nativi digitali”: bambini e ragazzi superstimolati all’utilizzo di queste nuove tecnologie sin dalla loro tenera età. In questo contesto l’associazione Mamsitter Italia, che ha una sede anche ad Avezzano, sostiene le mamme lavoratrici e si impegna a diffondere le linee educative basate sul dialogo e sul gioco, offre lo spunto per riflettere sulle problematiche relative allo stato di salute attuale dei ragazzi, sabato 1 aprile con inizio alle ore 11,00, nella sala consiliare del Comune di Avezzano si terrà un convegno aperto al pubblico sul tema “Mondi virtuali e pericoli reali”, a cui parteciperanno
le dirigenti scolastiche Anna Amanzi (Itis Majorana) e Fabiana Iacovitti (Mazzini-Fermi); l’avv. Paolo Galdieri docente della Luiss e la psicologa dell’Ordine dei Psicologi dell’Aquila Antonella Colantoni, oltre Paola Cimaroli dell’Associazione Mamsitter Italia.
Il taglio del convegno è di ampio respiro, con contributi che affronteranno i diversi aspetti di un fenomeno che necessita di massima attenzione da parte dei genitori, dei docenti e del mondo della scuola, per evitare che la dipendenza da internet e dai videogiochi da parte degli adolescenti, diventi un male dilagante.
Il convegno è patrocinato dal Comune di Avezzano è aperto al pubblico con ingresso libero.



Lascia un commento