Nasce ad Avezzano il comitato del no al referendum costituzionale



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Dopo un’assemblea sulle ragioni di contrarietà a revisione costituzionale e legge elettorale, illustrate da Maurizio Acerbo e Paolo Della Ventura , si sono costituiti mercoledì scorso ad Avezzano il comitato a sostegno del No al referendum costituzionale (che dovrebbe tenersi il prossimo autunno) per Avezzano e la Marsica ed analogo comitato per l’Alto Sangro. I comitati sono aperti a tutti coloro che vorranno dare un contributo fattivo alle argomentazioni del No.

Nel corso della riunione, Della Ventura (referente del coordinamento provinciale) ed Acerbo –entrambi membri del coordinamento regionale per la democrazia costituzionale- hanno illustrato le criticità della revisione della Costituzione e della legge elettorale, nel loro disposto combinato, ed i possibili effetti sulle dinamiche repubblicane: funzioni, composizione ed elezione del nuovo Senato; stravolgimento del procedimento legislativo; prerogative del governo e organi di garanzia.

Per il comitato Avezzano e la Marsica i referenti sono Nazzareno Di Matteo e Tonino D’Amore , mentre per il comitato per l’Alto Sangro sono Silvano Di Pirro e Marcello Gizzi. Domenica 22 maggio, partirà la raccolta delle firme per due quesiti referendari abrogativi sull’Italicum. Ci saranno banchetti di raccolta firme (dalle 11 alle 19) ad Avezzano in Piazza Risorgimento e a Pescasseroli in Piazza S.Antonio (dalle 9 alle 19).




Lascia un commento