Mototurismo in Abruzzo, approvata la Legge Taglieri: “renderlo accessibile a tutti, anche alle persone con disabilità”



Abruzzo – “E’ stata approvata la legge regionale per regolamentare e sostenere il mototurismo con un occhio all’inclusione di persone con disabilità e alla valorizzazione del territorio. Il turismo su due ruote è un settore in pieno “boom”: i numeri ci parlano di circa 2 miliardi di euro di fatturato, con 12 milioni di presenze l’anno e 1,5 milioni di italiani coinvolti. Cifre importanti e in costante crescita che non possono essere sottovalutate da chi governa un territorio morfologicamente adatto al mototurismo come è l’Abruzzo”.

Con queste parole il Consigliere regionale Francesco Taglieri commenta l’approvazione della Proposta di legge di cui è primo firmatario e che oggi ha ottenuto il voto unanime dell’aula. “Rendere l’Abruzzo appetibile ai mototuristi regolarizzando percorsi, soste e regole di tutela del territorio è indispensabile al fine di intercettare l’enorme sviluppo economico legato a questo particolare modo di viaggiare. – Spiega ancora Taglieri – Spostarsi in moto significa unire il piacere di scoprire i territori, con i loro patrimoni artistici, storici e naturali, al piacere di viaggiare in libertà su un mezzo a due ruote.

È un turismo esperienziale che permette di interagire facilmente con i luoghi visitati, dando l’opportunità di scegliere in modo personalizzato il livello di interesse del turista, facendolo soffermare maggiormente sui luoghi che lo incuriosiscono. Si potranno agevolare quelle località che non rientrano negli itinerari standard, agevolati da strade a percorrenza veloce o comode linee ferroviarie. Per questo ho voluto presentare sul tavolo della Regione Abruzzo una legge che vada a incentivare e regolamentare il mototurismo con il fine di renderlo accessibile a tutti, anche alle persone con disabilità.

E su questo punto – continua Taglieri – è stato dedicato un articolo specifico all’interno della proposta di legge, che permette alla Regione di promuovere e sostenere quelle attività di mototurismo effettuate con particolari mezzi che possano essere condotti da soggetti diversamente abili o che possano portare, oltre al conducente, anche i soggetti con problemi motori. Inoltre si contemplano dei finanziamenti specifici per favorire tali attività e per l’abbattimento delle barriere architettoniche, rendendo possibile l’accesso e la fruibilità della rete mototuristica anche, ad esempio, a particolari tipologie di moto come motocarrozzette o sidecar. Sono molto soddisfatto che il Consiglio regionale tutto abbia inteso l’enorme potenzialità di una programmazione accurata sul tema con programmi triennali e annuali”.

Fonte: Consiglio Regionale dell'Abruzzo


Leggi anche