Mostrava in tv la croce celtica e inveiva contro i migranti



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Scurcola Marsicana – Lo scorso quindici ottobre era apparso in un servizio televisivo girato per la trasmissione Piazza Pulita, in onda su La7, mentre inveiva contro i migranti e mostrava fiero il tatuaggio di una croce celtica. Augusto Nuccetelli, 51 anni di Scurcola Marsicana, adesso è stato rinchiuso nel carcere di Regina Coeli per aver freddato la moglie, Assunta Finizio, davanti al bancone di un bar di Corcolle (Roma) con quattro colpi di pistola.

Intervistato dal cronista Salvatore Gulisano, Nuccetelli qualche mese fa aveva commentato con violenza le presunte aggressioni avvenute nei confronti di autisti Atac da parte di migranti.”Se uno di questi che scende dall’autobus e rompe le scatole a chi non le deve rompere, io mi faccio giustizia da solo e lo ammazzo”.

L’uomo lavorava saltuariamente come fabbro ed aveva anche tentato di scendere in politica candidandosi a Roma con la coalizione del Movimento per l’Autonomia con Massimiliano Lorenzotti presidente nelle elezioni che incoronarono Ignazio Marino Sindaco della Capitale..

IL FIGLIO: “DI MIO PADRE NON MI IMPORTA PIU’ NULLA“: “Era un angelo, figlia mia bella, lo sapevo che sarebbe finita così, eri troppo bella. Era un gioiello di femmina e quello me l’ha ammazzata”. Disperazione, lacrime, tragedia. In una pozza di sangue guarda la figlia, Assunta Finizio. Poco distante dal corpo di Assunta c’è il figlio della coppia. Ha soltanto 17 anni. Piange, si dispera: “Fatemi vedere mia madre, di mio padre non mi importa nulla….”. Litigi, dissapori, tanto che Assunta secondo le prime informazioni raccolte dagli agenti di polizia voleva lasciare Augusto. Ma lui non accettava questa decisione e ieri pomeriggio la tragedia. “L’ho ammazzata perché mi voleva lasciare. L’ho tradita. Mi ha cacciato da casa e non ci ho capito più nulla”, le parole dell’uomo catturato poco dopo l’omicidio. La moglie aveva scoperto una sua relazione, lo aveva sorpreso con un’altra donna e lo voleva lasciare. “Vattene, non ci devi più stare in questa casa, non ti voglio più vedere”, la rabbia della donna ferita. E lui ha perso la testa: “Non sapevo dove andare, non ho capito più niente. Che ho fatto?”, si dispera.




Lascia un commento