Meteo. Anticiclone nei prossimi giorni. Dopo le gelate dell’Epifania, nebbie e siccità



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Un’area di alta pressione di matrice Subtropicale, continuerà a proteggerci dalle intense perturbazioni, garantendo tempo stabile e soleggiato e, le masse d’aria molto fredda di origine polare-continentale, interesseranno temporaneamente l’Europa orientale fino ai Balcani meridionali.

Le temperature massime e minime saranno in diminuzione il giorno dell’Epifania su tutta la nostra regione Abruzzo e sui settori centrali e meridionali, a causa dei venti tesi nord-orientali, di Grecale e di Tramontana, i quali acuiranno la sensazione di freddo in caso di forte vento (Wind Chill). Già da martedì 7, i venti tenderanno ad attenuarsi e si aprirà una nuova fase di tempo soleggiato e temperature massime miti che potrebbe durare fino al fine settimana, in attesa dei grandi scossoni invernali che, fino ad ora, non sembrano avvenire, a causa della
compattezza del Vortice Polare.
Le nebbie si formeranno nelle valli e nelle pianure del Centro-Nord del nostro stivale, nelle ore mattutine e le ore più miti del giorno tenderanno a dissolversi, lasciando spazio al tempo soleggiato.
L’Anticiclone delle Azzorre, infatti, salvo le infiltrazioni umide e moderatamente instabili coadiuvate da una goccia fredda di origine atlantica che favoriranno nuvolosità in transito sui settori occidentali e sulla Sardegna con anche qualche rovescio di pioggia fino al basso Adriatico, si rinforzerà subito dopo l’Epifania, innescando il ristagno di una grande quantità di smog nelle città e la formazione di nebbie nelle valli e nelle pianure. Il giorno 6 Gennaio, infatti, il cedimento della propaggine legata all’Anticiclone delle Azzorre sui settori adriatici centro/meridionali e sul settore ionico, consentirà l’ingresso di correnti d’aria fredda da est/nord-est provenienti dai Balcani e di origine polare-continentale, in direzione della Grecia, ove si innescherà una fase di maltempo di stampo invernale. Mentre sul resto dell’Italia, il tempo sarà stabile e soleggiato, eccetto deboli nevicate e vento forte lungo il versante orientale dell’Appennino centro-meridionale ma con tempo in miglioramento. A partire dal 7 Gennaio, la componente nord-africana dell’Anticiclone delle Azzorre piegherà verso l’Italia e l’intera Europa centro-orientale, garantendo assenza di precipitazioni sia piovose che nevose sull’intera penisola e su gran parte del territorio europeo centro/orientale.
Il Vortice Polare, in questo modo, si sposta verso il Canada e gli Stati Uniti nord-orientali dando luogo, su di essi, a forti ondate di gelo e neve di origine artica. L’Anticiclone, invece, sarà più invadente sul nostro comparto euro-mediterraneo, mediante l’insediarsi di aree di bassa pressione di natura nord-atlantica sull’Europa occidentale e in prossimità del Nord Africa, cosicché il suo predominio insisterà fino alla fine del mese portando siccità e il ristagno di smog ed elevate quantità di PM10 nelle aree urbane. È l’utopia di un Inverno assente su buona parte d’Europa e d’Italia. Si spera in irruzioni fredde e nevose artiche in Febbraio, soprattutto per via dell’inoltrarsi della stagione sciistica. Ne riparleremo.