Maxi sequestro di luci di Natale, la Finanza scende in campo per la sicurezza



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Sulmona. I finanzieri del Nucleo Mobile della Compagnia di Sulmona hanno eseguito un’operazione di contrasto alla commercializzazione di prodotti elettrici privi dei dispositivi minimi di sicurezza previsti dal diritto Comunitario e Nazionale, in attuazione della Direttiva Comunitaria 2014/35/UE e del Decreto Legislativo 86/2016.

L’operazione, a tutela dei consumatori ed a garanzia del regolare mercato, quotidianamente invaso da prodotti a basso costo e dagli scarsi standard qualitativi, si inserisce in una più ampia attività di controllo del fenomeno atteso anche l’ormai vicino periodo natalizio durante il quale nelle famiglie si è soliti preparare i tradizionali addobbi.

La Fiamme Gialle peligne hanno incentrato in particolare la propria attenzione nei confronti di un’attività commerciale che deteneva per la vendita grandi quantità di luci per addobbi natalizi a prezzi insolitamente bassi: gli stessi sono infatti risultati essere privi della marcatura CE, di istruzioni e informazioni sulla sicurezza dei prodotti e della garanzia.

La merce, tutta proveniente da Paesi extra Unione Europea (Cina), consistente in oltre 43.000 apparecchi elettronici per l’illuminazione, rappresentando un rischio concreto per la salute e la sicurezza delle persone, degli animali e dei beni, è stata così sottoposta a sequestro.

Ogni giorno la Guardia di Finanza opera per contrastare il commercio di prodotti non genuini e pericolosi che, mettendo fortemente a rischio la salute e la sicurezza dei consumatori e dell’ambiente, danneggiano anche il mercato, sottraendo opportunità e lavoro alle imprese che rispettano le regole.

 




Lascia un commento