Maltrattamenti in famiglia, viola il divieto di avvicinamento: scatta l’allontanamento da Pescina per un cinquantaduenne



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Pescina – Viola il divieto di avvicinamento e si presenta ubriaco nella casa in cui vive la moglie frantumando alcuni bicchieri sia all’interno sia all’esterno dell’abitazione.

Ancora grane per il marocchino Sedrati Noreddine, 52 anni, accusato di maltrattamenti in famiglia, per il quale il Giudice Monocratico del Tribunale di Avezzano, Daria Lombardi, ha deciso di applicare, in aggiunta alle misure già in atto del divieto di avvicinamento alle persone offese e dell’obbligo di presentazione quotidiano dinanzi ai carabinieri di Avezzano, anche l’ulteriore misura del divieto di dimora a Pescina.

Maltrattamenti in famiglia, viola il divieto di avvicinamento: scatta l'allontanamento da Pescina per un cinquantaduenne
Avv Luca Motta

Non è la prima volta che il marocchino viola la misura cautelare in atto dimostrando così, scrive il Giudice,  di essere “totalmente incurante dei divieti e delle prescrizioni imposte dall’Autorità Giudiziaria e di non possedere alcun autocontrollo delle proprie pulsioni”.

L’uomo, che non potrà quindi dimorare nell’intero territorio del Comune di Pescina e non potrà accedervi senza l’autorizzazione dell’Autorità Giudiziaria, è difeso dagli avvocati Luca e Pasquale Motta.