Magliano dice No alla violenza contro le donne. Successo dell’incontro in Comune



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Magliano de’ Marsi –  Grande partecipazione ieri all’incontro organizzato dal Comune di Magliano Dei Marsi in occasione della giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. Il numeroso pubblico presente ha ascoltato con attenzione gli interventi dei relatori. Ha aperto i lavori il sindaco di Magliano Dei Marsi, Mariangela Amiconi, che ha posto l’accento, tra l’altro, sulla necessità di una tutela maggiore, per le donne vittime di violenza, anche a livello normativo.

Dopo aver ringraziato tutti i partecipanti, il sindaco Amiconi ha invitato ad intervenire un altro sindaco donna, Maria Olimpia Morgante, primo cittadino di Scurcola Marsicana, che ha ribadito il suo forte no e quello dell’Amministrazione Comunale di Scurcola alla violenza di genere.

Coinvolgente è stato l’intervento della dottoressa Maria Di Domenico, specialista in ostetricia e ginecologia che si è soffermata sulle fasi della vita delle donne. Il suo intervento è stato impreziosito da alcune letture che i presenti hanno ascoltato dalla voce di Antonella Gentile. Daniela Senese, psicoterapeuta e responsabile del centro antiviolenza “La casa delle donne nella Marsica”, ha spiegato l’importanza dei centri antiviolenza e di case che accolgano e che ridiano sicurezza e tranquillità a quelle donne che spesso lasciano tutto per fuggire dalla violenza.

Ha concluso i lavori Oria Gargano, presidente della cooperativa sociale “Be Free”, che da tempo si occupa appunto della tutela delle donne vittime di violenza. Presso la sede comunale sono stati esposti i lavori, sul tema della giornata, realizzati dai ragazzi che frequentano quotidianamente il centro di aggregazione giovanile di Magliano supportati dai giovani volontari del servizio civile. L’evento ha visto la collaborazione della cooperativa sociale “Be free”, del centro antiviolenza “La casa delle donne nella Marsica”e dell’associazione “Altavoce”.




Lascia un commento