Confesercenti dichiara guerra all’abusivismo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Lunedì 5 dicembre, alle 10.30, nella sede Confesercenti si terrà il convegno “Abusivi dichiarati, abusivi autorizzati”. “Con questa iniziativa – spiega Domenico Venditti Presidente della Confesercenti provinciale – dell’Aquila, la nostra associazione intende riprendere, con maggior vigore e dando più impulso, la campagna contro l’abusivismo, già intrapresa in più occasioni in passato.

I tempi sono ancora difficili e l’abusivismo fa concorrenza alle nostre imprese che resistono incessantemente. Il frutto del lavoro ha un costo e chi lo fa in modo irregolare può offrire merce e servizi a prezzi inferiori, eludendo numerosi controlli e tasse, facendo chiudere numerose imprese regolari e danneggiando i cittadini stessi sia da un punto di vista fiscale che da un punto di vista sanitario.

Con l’iniziativa in oggetto e con l’impegno che ne seguirà, ci proponiamo l’obiettivo, di accendere i riflettori sui fenomeni dell’abusivismo, del lavoro nero e della contraffazione, che si traducono in concorrenza sleale nei confronti di tutte le imprese che operano nel rispetto delle regole e della legalità.

Durante il convegno, saranno presentati i risultati di uno studio che la Confesercenti nazionale, attraverso l’osservatorio del commercio e il centro ricerche REF, ha condotto sul tema e dal quale emerge con forza l’impatto economico ed occupazionale che le diverse forme di abusivismo stanno determinando in termini di minore occupazione ed evasione fiscale.

Oltre ai saluti del sindaco della città di Avezzano e dell’assessore alle attività produttive, sono previsti interventi da parte di rappresentanti qualificati della camera di commercio, della guardia di finanza, dei carabinieri, della polizia municipale di Avezzano, degli ispettorati Inps, Asl e direzione territoriale del lavoro.

Il nostro intento è quello di far seguire delle azioni concrete alla pur importante denuncia. Auspichiamo forme di collaborazione più stringenti tra parti sociali ed istituzioni pubbliche, atte a migliorare le attività di indagine e favorire l’efficacia complessiva dei controlli”.




Lascia un commento