Lo colpiscono con un tubo di ferro per rubargli 380 euro, chiuse indagini per due fratelli magrebini



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Si sarebbero impossessati di 380 euro appartenenti ad un loro connazionale e lo avrebbero, poi, ferito con un tubo di ferro. Ora, la procura di Avezzano, con il PM Andrea Padalino, ha chiuso le indagini preliminari a carico di due fratelli magrebini, senza fissa dimora.
I due sono accusati di rapina e lesioni.

Nell’agosto del 2019, W.M. 23 anni, difeso dall’avvocato Mario Del Pretaro, e W.M. 27 anni, avrebbero minacciato M.A. con un coltello e un tubo di ferro per costringerlo ad entrare nell’abitazione in cui erano custoditi i soldi.
Poi, al fine di procurarsi l’impunità del reato, uno di loro lo avrebbe colpito con il tubo di ferro procurandogli delle lesioni.

I due sono accusati anche di aver portato strumenti atti ad offendere fuori dalla propria abitazione.