La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
La stazione ferroviaria di Pescina e il progetto mai attuato di trasporto su rotaia dei prodotti del Fucino
Pescina – In un’estate degli anni ’80 fece sosta presso la stazione F.S. di Pescina il famoso “Treno Verde” con una mostra itinerante organizzata dal Ministero dei Trasporti,...
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Cerca
Close this search box.
Home » Avezzano » L’inaugurazione della distilleria di Avezzano spronata dal regime fascista (dicembre 1936)

L’inaugurazione della distilleria di Avezzano spronata dal regime fascista (dicembre 1936)

Facebook
WhatsApp
Twitter
Email

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Dopo la vittoria etiopica, con la proclamazione dell’Impero e «il riconoscimento del fatto compiuto implicito nella revoca delle sanzioni», in Italia e nella Marsica si scatenarono ondate di entusiasmo caratterizzate da adunate oceaniche: «certo le più grandiose e spontanee di tutta la storia del fascismo». È fuori dubbio che il fascismo e il regime uscivano dalla guerra appena conclusa «oggettivamente rafforzati»; mentre, invece, l’antifascismo militante organizzato clandestinamente, andava sempre più perdendo consensi tra le masse popolari (1). 

Il parere dei comunisti dissidenti, espresso a chiare lettere sulla rassegna di politica proletaria «lo Stato Operaio», confermò che anche i sacerdoti: «con la loro propaganda dall’altare hanno aiutato validamente i fascisti. Inoltre i soliti argomenti della propaganda fascista, della Patria proletaria in lotta contro l’egoismo delle nazioni ricche, soprattutto l’Inghilterra, per procurare il benessere ai propri figli, che è stata accentuata in questi ultimi tempi, è riuscita ad illudere non pochi lavoratori». 

Lo sforzo di ripercorrere la storia dell’antifascismo, ci permette di cogliere molteplici affermazioni di senso contrario al regime, specialmente quando Emilio Sereni (studioso di economia e agricoltura) specificò dalla clandestinità di Parigi che: «la vittoria militare in Abissinia, pur avendo rafforzato le correnti scioviniste, in specie tra le nuove generazioni, e pur avendo allontanato la prospettiva immediata di una crisi politica aperta, non ha risolto nessuno dei problemi fondamentali del paese. Le condizioni delle larghe masse popolari hanno, anzi, continuato ad aggravarsi. Solo i gruppi più potenti del capitalismo [si fa riferimento anche ai Torlonia] hanno ottenuto dei benefici dalla guerra, aumentando i loro profitti e concentrando ancor più nelle loro mani la direzione di tutta la vita del paese» (2). Senza negare il valore di queste analisi contrarie alla politica fascista, occorre specificare che nel 1936, don Carlo Torlonia (presidente della Società Anonima Zuccherificio di Avezzano e vicepresidente della società per l’elettricità italiana, consigliere d’amministrazione delle distillerie di Avezzano e membro della commissione per l’agricoltura), già produceva quantità ragguardevoli di alcool etilico anidro di purezza superiore al 90%, cosiddetto assoluto, da miscelare con le benzine per autotrazione, poiché la tecnologia dei motori a scoppio si era nel frattempo orientata verso le miscele di alcool e benzina. Oltremodo, le novità tecnologiche e scientifiche del fascismo, proprio alla fine del mese di dicembre 1936, furono annunciate solennemente dalla stampa, subito dopo l’inaugurazione della distilleria: «l’importanza e le caratteristiche degli impianti e il ciclo di produzione dalla barbabietola all’alcool carburante». L’inviato speciale nel Fucino, Walter Merlini, ricostruì le varie fasi della storia del lago e del suo prosciugamento, scrivendo: «Così nel 1903, quando sorse lo Zuccherificio di Avezzano per la produzione della dolce polvere bianca di saccarosio […] Così nel 1936, ai nostri giorni, per meglio precisare: oggi, con la creazione di un grande stabilimento dell’alcool carburante dalle barbabietole che il fecondo alveo del Fucino produce, per la fabbricazione dei carburanti è entrato in linea lo stabilimento della Società Anonima Distillerie di Avezzano, che il Principe Gian Giacomo Borghese  [ingegnere, poi nominato da Mussolini governatore di Roma] presiede con ardente passione e profonda competenza. Presenti il Principe Torlonia, il Principe Borghese, il Prefetto di Aquila, il Segretario Federale di Aquila, numerose altre personalità. La distilleria è stata consacrata con la cerimonia ufficiale dell’inaugurazione in una vibrante atmosfera di fede, in una consapevole esaltazione del lavoro, in una doverosa ammirazione dei superbi magnifici impianti».

In realtà, il liquido della melassa, mescolato con la benzina avrebbe potenziato: «dei bolidi rombanti del Littorio con un duplice immenso significato: la soddisfazione di una capacità tecnica di produzione, il vaticinio di una certa e completa vittoria». Lo stabilimento marsicano, secondo il parere del giornalista, era considerato in quel momento il migliore in assoluto dell’Italia centro-meridionale. Alla fine dell’articolo, non mancarono ampollose considerazioni sui sacrifici di Torlonia e quelle degli operai che, in puro “credo” fascista, contribuirono a realizzare l’opera: «è un contributo di inestimabile valore pratico e morale, se si considerano i sacrifici degli industriali che hanno voluto mettersi in linea nella nobile iniziativa e gli sforzi diuturni degli operai, figli forti e taciturni dell’Abruzzo, che operano disciplinatamente, indefessamente con tutta la fede nel Duce e nei destini dell’Impero fascista» (3).

NOTE

  1. R.De Felice, cit., pp.758-768
  2. lo Stato Operaio, Rassegna di politica proletaria, Anno X – N.10-12, Ottobre-Dicembre 1936, Testimonianze sullo stato d’animo delle masse lavoratrici, p. 34. Inoltre, per avere un quadro completo delle numerose osservazioni contrarie al regime, si leggano i: «Documenti del P.C.I., Riconciliazione e unione del popolo italiano per la conquista del pane, della pace e della libertà (Risoluzione del C.C.del P.C.I.); I. La vittoria militare in Abissinia e il pericolo di una nuova guerra mondiale», p.729. Molto importante per capire «il disagio, la miseria e le gravissime limitazioni della libertà che stavano attraversando le popolazioni delle campagne e quelle urbane», è la relazione di Emilio Sereni alla Conferenza Internazionale Agraria tenutasi a Bruxelles nei giorni 3-6 settembre 1936, nel quadro del Congresso Mondiale per la Pace: «L’agricoltura e la politica di guerra», pp. 778-787.
  3. Il Messaggero, Cronaca dell’Abruzzo e del Molise, Anno 58° – N.304, Martedì 22 Dicembre 1936. A grandi passi verso l’indipendenza economica. Il nuovo stabilimento di Avezzano per la produzione dell’alcool carburante.

PROMO BOX

Avezzano ritrova i nomi delle vittime dei bombardamenti di 80 anni fa: a loro sarà dedicato un monumento
L'associazione "360° solidale" dona un PC al reparto Pediatria dell'ospedale dell'Aquila
Antonio Fasulo presenta ad Avezzano i suoi "Giardini del male", libro proposto al Premio Strega Poesia 2024
Luce e gas, flop mercato libero: "bollette più care
Il Portavoce Unicef Italia Andrea Iacomini ospite del Consiglio dei Bambini e dei Ragazzi del Comune di Avezzano
immagine celebrazioni a teatro
Comune di Celano
SICUREZZA 3
pallone-da-calcio
In arrivo dal Mit 37,19 milioni di euro per 6 nuovi treni per l'Abruzzo
Divieto di utilizzo, per consumo umano, dell'acqua della fontana di via Fonte Vecchia a Pereto
IMG-20240522-WA0004
Sacchi neri lasciati davanti alla sede della CRI di Carsoli: "Un'indecenza, vestiario e giocattoli vanno consegnati di persona e controllati"
I quadri di Florales a Magliano de' Marsi svelati dalla Pro Loco: saranno realizzati per la festa del Corpus Domini
Il 1° Giugno a Pescina lo spettacolo dei ragazzi dell'Anfass di Celano in onore di Sabina Santilli
Marsica ed Europa: un incontro per riflettere sulle prossime elezioni con il giovane giurista avezzanese Andrea Minieri
Trasacco commemora la Strage di Capaci con una targa dedicata a Giovanni Falcone, Francesca Morvillo e agli agenti caduti
problema-acqua-in-italia
Al Santuario dell'Oriente la festa della Madonna di Fatima con l'antichissimo "Inno Akathistos"
ferrovia Roma-Avezzano
asma
Cunicoli di Claudio, Santangelo: “2,3 milioni per valorizzare il parco archeologico”
Comune di Celano
Restaurata la base processionale del busto di San Berardo di Pescina

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Guida Maria Bonanni
Guida Maria Bonanni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Maria Sireus
Maria Sireus
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Dino Zaghini
Dino Zaghini
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Antonio Giusti
Antonio Giusti
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina