Liceo coreutico e musicale ad Avezzano, De Crescentiis: “Riattivare subito il tavolo interistituzionale”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Riattivare subito il tavolo tecnico interistituzionale regionale e rimettere al centro della discussione l’istituzione del liceo coreutico e musicale nella città di Avezzano.
È quanto chiede il presidente della Provincia dell’Aquila, Antonio De Crescentiis, con una lettera indirizzata all’Assessore regionale Marinella Sclocco.

“Nel corso dell’incontro che abbiamo avuto a Pescara lo scorso 23 gennaio – sottolinea De Crescentiis – abbiamo concordato con i rappresentanti della Regione di sottoporre nuovamente il tema dell’istituzione del liceo coreutico e musicale ad Avezzano all’attenzione di questo autorevole consesso”.

L’argomento è stato anche al centro della seduta del Consiglio provinciale riunito questa mattina a L’Aquila. “Ci tengo a ringraziare – aggiunge il presidente della Provincia – tutti i Consiglieri del territorio marsicano per l’attenzione mostrata verso questa tematica: Gianclemente Berardini, Emilio Cipollone, il vice presidente Nicola Pisegna Orlando, Americo Montanaro, Felicia Mazzocchi e Gianluca Alfonsi.

La Provincia dell’Aquila non è mai stata contraria all’istituzione del liceo coreutico e musicale ad Avezzano, come hanno evidenziato nel corso del dibattito gli stessi consiglieri Mazzocchi e Alfonsi condividendo la necessità di proseguire il lavoro svolto e sgomberando così il campo dalle polemiche, talvolta strumentali, che sono state alimentate intorno a questa vicenda”.

“Auspichiamo che tutti gli attori che compongono il tavolo interistituzionale possano approfondire meglio, ed eventualmente riconsiderare, le valutazioni già espresse, permettendo alla Provincia dell’Aquila di poter adottare, sulla base di pareri autorevoli e condivisi, l’istituzione di questo importante liceo già dal prossimo anno scolastico, nel solco del lavoro intrapreso a tutela del diritto allo studio in tutto il territorio provinciale”, conclude De Crescentiis.




Lascia un commento