Lettera anonima al governatore, solidarietà della Misericordia, “accuse false e infamanti e stima incondizionata al nostro governatore”



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

San Benedetto Dei Marsi – Una lettera anonima è stata recapitata al dott. Sandrino Raglione, governatore della locale Misericordia. Secondo gli scriventi nella lettera si evidenzia una cattiva gestione e un cattivo operato dell’associazione, dando la colpa proprio al dott. Raglione, accusato di aver fatto cancellazioni arbitrarie, indicando nomi a sua discrezione e da questo, la critica va tutto l’operato gestionale.

Il Governatore della Misericordia di San Benedetto dei Marsi In seguito ha convocato un’assemblea straordinaria per riferire di aver ricevuto la missiva anonima da parte di un sedicente gruppo di “volontari stanchi dell’andamento“, in cui si screditava la sua persona e il suo ruolo di Governatore, di presunte violazioni statutarie, mancate convocazioni di organi e cancellazioni arbitrarie. Il dott Raglione ha annunciato così la volontà di dimettersi. L’assemblea ha rifiutato le dimissioni e ha reagito scrivendo un comunicato in cui esprime tutto l’appoggio umano e morale al Governatore.
La lettera anonima trae spunto dalla circostanza del 13 giugno 2019 di un’assemblea straordinaria svoltasi per il riordino del libro soci, finalizzata al successivo adeguamento statutario alla riforma del terzo settore e all’iscrizione della Misericordia nel nuovo Registro Unico Nazionale del terzo settore. L’operazione è stata gestita dall’Avv. Giuseppina Cipriani segretaria dell’Associazione e referente per la Provincia dell’Aquila, nonché del gruppo di supporto della Confederazione Nazionale delle Misericordie d’Italia alla riforma del terzo settore.
COMUNICATO DEI VOLONTARI DELLA MISERICORDIA DI SAN BENEDETTO DEI MARSI
Rispondiamo collettivamente alla lettera anonima nella quale si rivolgono accuse false, infamanti e minacce al nostro governatore, il dott. Sandrino Raglione. In data odierna si é riunita l’assemblea straordinaria che ha condannato fermamente il gesto vigliacco e meschino di chi ha scritto, inducendo il nostro governatore alla rassegnare le dimissioni da noi prontamente rifiutate.
Noi volontari confermiamo appoggio e stima incondizionato al nostro governatore e desideriamo che continui a guidare la misericordia, sempre sostenuto dall’affetto e dalla fiducia del Magistrato e dei volontari tutti.
La comunità di San Benedetto dei Marsi conosce la grande umanità, l’integrita’ e la professionalità del nostro governatore e confidiamo nell’appoggio solidale di tutti in questo momento doloroso e avvilente per noi.