L’emissario Torlonia in un’incisione di fine Ottocento



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – L’opera tecnologica messa in atto da Alessandro Torlonia per prosciugare il Lago del Fucino ha rappresentato per molto tempo una delle “invenzioni” ingegneristiche più affascinanti della storia locale, e non solo. Come sappiamo, il prosciugamento totale del lago venne dichiarato in modo ufficiale con un documento del primo ottobre 1878.

L’incisione che vi mostriamo dovrebbe essere stata realizzata qualche tempo più tardi per corredare, insieme ad altre, un’opera a stampa intitolata “Dizionario corografico dell’Italia col concorso dei sindaci, delle rappresentanze provinciali e di insigni geografi e storici“, stampata a Milano da Francesco Vallardi.

Il disegno, se così vogliamo chiamarlo, è ottenuto attraverso la tecnica della xilografia, un antichissimo sistema a stampa ottenuto attraverso l’utilizzo di matrici lignee incise a rilievo. Una volta realizzata l’opera, come si può intuire, veniva stampata con metodi contemporanei.

L'emissario Torlonia in un'incisione di fine Ottocento
L'emissario Torlonia in un'incisione di fine Ottocento