Le opere del marsicano Emanuele Moretti richieste per i set cinematografici



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Tagliacozzo La produzione del film “Diario di spezie”, per la regia di Massimo Donati, ha richiesto a Emanuele Moretti di utilizzare le sue opere pittoriche per l’allestimento del set cinematografico. Un prestigioso riconoscimento al giovane artista che giunge da Rai Cinema e dalla “Master Five Cinematografia”, dopo che anche la “Cattleya”, una delle maggiori società indipendenti di produzione cinematografica, aveva già utilizzato le sue tele nella serie televisiva “Masantonio” con Alessandro Preziosi, che andrà in onda su Canale 5 alla fine di questo anno.

“Diario di Spezie” è un film tratto dall’omonimo romanzo, che ha vinto tra l’altro il Premio “Solinas Giallonero” e che sarà in concorso ai prossi Festival di Cannes, Venezia e Berlino. Interpretata da Fabrizio Ferracane, la pellicola è stata girata in Trentino, Belgio e Germania. Ritroveremo le opere di Moretti all’interno del prestigioso “Muse” il Museo delle Scienze di Trento, progettato dall’archistar Renzo Piano.

Emanuele Moretti, direttore artistico della kermesse di arte contemporanea nella Città di Tagliacozzo, è reduce dal conseguimento del Dottorato presso l’Accademia delle Belle Arti di Roma, con il massimo dei voti e la lode, avendo discusso una tesi intitolata “La consapevolezza silenziosa dell’invisibile”, di cui è stata relatrice la chiar.ma prof.ssa Cecilia Casorati, Direttrice della stessa Accademia.