Aia dei musei, presentato il lavoro di digitalizzazione del Museo lapidario e del Museo del prosciugamento

I dettagli del progetto

Avezzano – E’ stato presentato, nella giornata di ieri, il lavoro di digitalizzazione di tutti i contenuti del Museo lapidario e del Museo del prosciugamento a cura dell’Associazione AntiquaE’.

Presenti l’assessore Pierluigi di Stefano e la Presidente dell’associazione Flavia De Sanctis.

I musei e i siti del patrimonio culturale sono una risorsa potente per lo sviluppo locale:  possono ispirare creatività, promuovere diversità culturale, contribuire a riqualificare le economie locali, attirare i visitatori, generare entrate e contribuire alla coesione sociale, all’impegno civico, alla salute e al benessere.

Il Comune di Avezzano, in collaborazione con l’Associazione AntiquaE’, vuole raggiungere studenti, visitatori e tutti quelli che credono al valore sociale ed economico del patrimonio culturale, identificando modalità e meccanismi che consentano al museo di lavorare a stretto contatto e in modo efficace con l’amministrazione e con il pubblico.

Sono state così poste le basi per un progetto di digitalizzazione dei contenuti delle due sezioni dell’Aia dei Musei e del catalogo illustrativo, delle mostre fatte e in essere e dei filmati illustrativi che possa essere di aiuto come strumento di apprendimento per tutte le persone interessate alla cultura e al patrimonio culturale come leva per lo sviluppo locale.

Il progetto prevede anche la digitalizzazione della traduzione in francese di tutta la pannellistica presente nei musei e degli articoli più importanti del catalogo e della presentazione in lingua inglese dei contenuti del Filo dell’acqua, la sezione dedicata al prosciugamento del Fucino.

Il progetto di digitalizzazione in dettaglio prevede:

  • I pannelli e le didascalie del Museo Lapidario”Le Parole della Pietra”;
  • I pannelli del museo del Museo del Prosciugamento “Il Filo dell’Acqua”;
  • I testi “Il Fucino Ieri”- “Il Fucino Oggi” -“La Marsica tra Sacro e Profano” -“Il libro dell’Ingegnere”-4 volumi sui paesi della Marsica – Le tavole dell’atlante di Brisse-De Retrou;
  • I filmati “Le voci del lago” e “Lacus liquidi” “Il Terremoto di Avezzano”;
  • Le foto del testo del Lear del 1846 e delle carte geografiche d’Abruzzo prima del prosciugamento allestite nello schermo touch-screen;
  • Catalogo dell’Aia dei Musei;
  • Traduzioni in francese della pannellistica e di parte del catalogo;
  • Presentazione in lingua inglese del Prosciugamento del Fucino.

La digitalizzazione sarà accessibile sul sito HYPERLINK “http://www.aiadeimusei.it” www.aiadeimusei.it  e  i filmati saranno accessibili da un link sul sito o sul canale youtube.

Durante la conferenza, a cura di Antonella Villa e Matteo Biancone, autori del lavoro di digitalizzazione, è stata proiettata una simulazione di ricerca sul sito dell’Aia dei Musei.