Le meraviglie del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise attraverso lo sguardo di Giancarlo Mancori



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

E’ stata inaugurata a Frascati, presso il Museo Tuscolano- Scuderie Aldobrandini, in Piazza Guglielmo Marconi, la mostra relativa alle meraviglie del PARCO NAZIONALE D’ABRUZZO, LAZIO E MOLISE, e vi rimarrà fino al 29 febbraio, per essere spostata a Ginevra in Svizzera.

Presenti tra gli altri il Presidente del Parco Antonio Carrara, il già Presidente Fulco Pratesi e la dott.ssa Francesca Neroni, delegata alla cultura del Comune di Frascati e l’autore della mostra.

A prendere per primo la parola è stato Carrara, il quale ha detto che l’iniziativa di Mancori è nata visitando il Parco e le sue bellezze in esso riposte.

Si è quindi soffermato ha parlare, delle figure più importanti immortalate degli scatti fotografici di Mancori che oltre ai suggestivi panorami della montagne del Parco, ha evidenziato il ruolo degli animali che vivono nel Parco e di questi si è soffermato a parlare dell’Orso, del Lupo, del Camoscio e del Cervo.

Fulco Pratesi, prendendo la parola, ha esordito dicendo, che non vi è Parco in Europa, come quello d’Abruzzo.

Nel suo intervento si è soffermato ha parlare della storia del Parco, della sua situazione iniziale agli inizi del 1922, soffermandosi agli anni 1960/1970 ed ancora della sua esperienza all’interno del Consiglio Direttivo dell’Ente in qualità di Presidente del Parco.

Un accenno alla speculazione edilizia nell’area Parco, soffermando lo sguardo sulla mostra oggetto dell’incontro di Frascati.

Altra cosa di un certo interesse, circa l’area Parco, che ha detto Pratesi, (noi eravamo presenti alla inaugurazione) è quella di aver parlato delle gentilezza delle Genti del Parco, invitando i presenti a visitarlo.

Il delegato alla cultura del Comune di Frascati, si è detta molto soddisfatta della scelta del suo Comune ad ospitare tale mostra.

Da ultimo, per doveri di cronaca, occorre dire, che la presentazione è stata allietata dal COROANAROMA (CORO ALPINI DI ROMA) che ha riempito il pomeriggio con canzoni inerenti il Parco, la montagna.

Riportiamo l’elenco delle canzoni eseguite per l’occasione: Trittico montanaro, Monte Canino, All’orte, Maremma, Gli aizinponeri, Piccola suite infantile, Trittico romano, L’ellera verde, Nannì, Mare majje e Vola vola vola.

Presenti il sala circa 160 persone.

La manifestazione si è conclusa alle ora 19,30.

OPI LI, 1 FEBBRAIO 2016

ANDREA DI MARINO



Lascia un commento