Le donne marsicane contro Damiano “Er Faina”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – Youtuber, influencer e “opinionista social”, è stato nel 2019 concorrente nella trasmissione televisiva Temptetion Island Vip: si può riassumere così il curriculum vitae di Damiano Coccia, in arte “Er Faina“. Nel 2016 ha scritto anche un libro dal titolo “A regà buongiorno”, il suo celebre motto che utilizza sui suoi profili social da oltre 2,2 milioni di seguaci, principalmente adolescenti.

Nelle ultime ore sulle piattaforme social non si è fatto altro che parlare di lui per le sue “opinioni” sul Catcalling. “Io posso capire se uno viene, ti insulta, ti rompe il ca*… Ma che c’è un manuale di rimorchio? Uno passa, vede due belle gambe… dici “Ah fantastica”. Mica t’ho detto ‘affanc*** brutto cess*… Il catcalling? Per due fischi? Io non so dove andremo a finire. Se qualcuno viene ti tocca, posso capire. Ma se uno fischia e ti dice ‘ah bella’… “. Queste le parole dell’influencer, da sempre paladino dell’anti-politically correct, che stanno facendo discutere.

Moltissimi marsicani, sopratutto donne, hanno aspramente criticato la posizione di Damiano Er Faina che non considera il catcalling una molestia ma addirittura dei piacevoli apprezzamenti. “Che ne sai di come può sentirsi una donna che per strada subisce apprezzamenti sessuali e valanghe di fischi da perfetti sconosciuti?” si può leggere sulle bacheche Facebook o sulle storie di Instagram di donne marsicane, “Ti piacerebbe se venisse fatto a tua moglie o a tua figlia?“. Ormai, come disse Giulio Cesare “il dado è tratto”, non si può più tornare indietro e le polemiche sembrano non finire.