Le amministratrici della Valle del Giovenco incontrano il Prefetto Cinzia Torraco



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

L’Aquila – “DONNE IN RETE” è una Rete di Amministratrici della Valle Giovenco nata nel 2016 da un’idea di Sara D’Agostino (amministratrice di Collarmele), Valeria Mancini (amministratrice di Aielli),  Maria Di Genova ed Erminia Raglione (amministratrici di San Benedetto dei Marsi) ed Emiliana Longo (amministratrice di Gioia dei Marsi) con lo scopo di mettersi a disposizione per le donne vittime di violenza.

Il 25 giugno scorso le amministratrici della Valle del Giovenco hanno incontrato il Prefetto Cinzia Torraco per discutere delle attività della rete antiviolenza Marsica, delle criticità nel percorso di allontanamento delle donne marsicane dal proprio domicilio e della centralità delle case rifugio.

Nell’incontro con Il Prefetto Cinzia Torraco” dichiarano le amministratrici “abbiamo illustrato le nostre attività della rete antiviolenza Marsica, le criticità nel percorso di allontanamento delle donne marsicane dal proprio domicilio, la centralità delle case rifugio e le problematiche dei piccoli comuni che troppo spesso si ritrovano a fronteggiare spese esorbitanti relative a questo tipo di attività e che i fondi sociali non riescono a coprire. Abbiamo sottolineato che siamo al di fuori di ogni logica ed organizzazione politica perché la gravità e l’importanza del tema violenza di genere va oltre. Il Prefetto ha mostrato un grande interesse e spirito propositivo ed a breve ci rivedremo per discutere della L.R. 20 ottobre 2006, n. 31 per analizzarne insieme le criticità e capire quali sono i margini di miglioramento.”

La collaborazione di “DONNE IN RETE” è apartitica e non fa parte di alcuna associazione. Negli innumerevoli convegni da loro organizzati hanno coinvolto personaggi di diverse correnti politiche, giovani, dai quali bisogna ripartire per sensibilizzare le nostre comunità, professionisti e persone che operano in prima linea nelle problematiche di genere.

Nello scorso novembre hanno analizzato il Protocollo d’intesa per la costituzione della “rete per l’attivazione e gestione integrata territoriale di percorsi di accoglienza e di uscita dalla violenza” del 2010, rinnovato nel  maggio 2019 insieme ai firmatari tra i quali la promotrice la dott.ssa Maria Teresa Letta.

Non abbiamo la presunzione di sostituirci alle professioniste che si occupano di questo argomento” ci confida Sara D’Agostino l’ideatrice della Rete “vogliamo essere dei punti di riferimento e vogliamo provare a migliorare quello che oggi sembra ancora troppo legato  alla burocrazia perché crediamo che un sistema che funziona deve essere come una rete in cui tutti i punti sono di fondamentale importanza”.