Lavoro: operazione nella Piana del Fucino di contrasto al caporalato



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Avezzano – Sessantuno lavoratori irregolari e 15 in nero, di cui 3 clandestini, su 140 controllati: sono i dati di un’operazione di controllo delle attività di raccolta degli ortaggi nella Piana del Fucino, in provincia di L’Aquila, fatta dall’Ispettorato interregionale del lavoro di Roma con i militari del Comando Carabinieri Tutela del Lavoro Gruppo di Roma in 16 aziende agricole.

Tre sono stati i provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale per uso di manodopera in nero nella misura del 20% rispetto a quella complessivamente impiegata nelle attività di raccolta. Finora, accertate sanzioni per oltre 40mila euro.

L’operazione si inserisce in una ampia azione di contrasto al caporalato e allo sfruttamento della manodopera straniera che prosegue ormai da mesi in tutto l’Abruzzo e in particolare nei territori della Marsica e al momento è ancora in corso. Supporto all’operazione è stato dato anche dall’Arma territoriale di Avezzano e del 16° Nucleo Elicotteri Carabinieri di Rieti.




Lascia un commento