L’aviosuperficie di Celano entra a far parte di SAVA, Sistema Aereo di Vigilanza Antincendio



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Celano – Solo qualche tempo fa, anche dalle nostre pagine, avevamo reso noto che Celano era entrata a far parte dell’associazione “Città dell’Aria”. A questo importante traguardo, ora, se ne aggiunge un altro: l’aviosuperficie di Celano entra a fa parte ufficialmente anche del SAVA, Sistema Aereo di Vigilanza Antincendio.

E’ lo stesso primo cittadino, Settimio Santilli, a darne comunicazione. Far parte del SAVA significa, come spiega Santilli, entrare in “una rete di vigilanza dei territori con la messa a sistema di aviosuperfici, eliosuperfici e idrosuperfici per il contrasto degli incendi boschivi e altre misure urgenti di protezione civile“.

Celano, dunque, diventa un punto di riferimento e di appoggio per tutte quelle attività relative al monitoraggio del territorio e al controllo preventivo di eventuali incendi o calamità d’altra natura. “Una aviosuperficie sulla quale investire non solo per le grosse potenzialità turistiche, ma anche per quelle di protezione civile“, scrive il Sindaco il quale conclude ringraziando il senatore Luca Briziarelli che ha permesso di inserire un emendamento per l’istituzione del SAVA nella conversione in legge del Decreto A.S 2381.

LEGGI ANCHE

Celano è diventata Città dell’Aria. Sindaco Santilli: “l’aviosuperficie locale potrà avere enormi potenzialità turistiche”