L’avezzanese Niccolò Martini diventa a sorpresa Campione Italiano U18 di lancio del disco



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Si presentava ai Campionati Italiani con la misura di 43.43 metri, lontano dai favoriti per il titolo. Ma lo sport è bello anche per questo. Dopo la gara più importante della stagione, tenutasi a Rieti in questo fine settimana, Niccolò Martini, lanciatore avezzanese tesserato con l’Atletica Gran Sasso Teramo, è diventato Campione Italiano U18 migliorandosi, in due giorni, di circa sette metri, vincendo il titolo con la misura di 50.08 metri.

Dopo i primi lanci di qualificazione di sabato, Martini con grande sorpresa era entrato in finale con il miglior accredito, 48.38 metri, e aveva centrato il suo obiettivo stagionale: un primato personale e l’ingresso tra i primi dodici allievi d’Italia. Ma è proprio quando quella medaglia sembra tanto lontana e poi, di colpo, tanto vicina, che nell’atleta scatta qualcosa, scatta quella voglia di far proprio il metallo più prezioso: e così è stato per l’avezzanese.

All’ultimo lancio, Martini era secondo grazie al suo terzo lancio da 46.32 (arrivato dopo due lanci da 40 metri che lo proiettavano fuori dalle posizioni importanti), e dopo quel suo percorso simile alla trama di un film non poteva di certo accontentarsi. Proprio con quell’ultima zampata, il classe 2003 marsicano è riuscito a superare il 46.46 del suo avversario (Stefano Marmonti) andando per la prima volta sopra i cinquanta metri e piazzandosi terzo nelle graduatorie nazionali.

Dopo queste tre giornate di Rieti, la carriera agonistica di Niccolò Martini potrebbe cambiare e, come il suo disco, iniziare a volare. Sarebbe un onore per la città di Avezzano e la Marsica tutta avere un astro nascente di panorama nazionale (e perché no, anche internazionale).

Sui social si sono scatenati tutti i suoi amici ed i suoi compagni di squadra, sono arrivati tantissimi complimenti e auguri per Martini e per i suoi preparatori, i suoi fratelli Diego Martini e Lorenzo Martini della palestra KM111, che hanno svolto un lavoro sensazionale.

Sempre sui social, la prima dichiarazione di Niccolò Martini, che presto avremo in esclusiva per il nostro giornale:

Oggi per la prima volta sono riuscito a vincere la gara più importante dell’anno, ancora adesso non ci credo. È stata un’esperienza fantastica e sicuramente indimenticabile non solo perché mi sono migliorato di quasi sette metri tra qualificazione e finale, ma soprattutto perché ho conosciuto atleti fortissimi con un’immensa dedizione per questo sport e questo è fondamentale.Volevo ringraziare, in primis, la mia famiglia e i miei amici più cari, perché sono stati sempre vicini a me e hanno creduto più loro in me che io in me stesso. Poi la mia società ovvero l’ Atletica Gran Sasso Teramo. E per ultimi ma non ultimi i miei super coach ovvero: Diego e Lorenzo Martini.

C’è da dire che Martini non è l’unico giovane marsicano ad aver fatto bene in questa manifestazione: Andrea Franchi, lanciatore del peso, si è piazzato secondo nella sua gara, altra medaglia importantissima, Mirco De Paolis si è comportato benissimo nel lancio del martello, Valeria Buongiovanni ha centrato la finale nei 400m Hs, Kathelyn Marziale è arrivata decima nel salto il lungo.
Tutti questi ragazzi si allenano tutti in giorni in una struttura a dir poco pietosa, lo Stadio dei Pini di Avezzano, e nonostante ciò portano questi risultati a casa, dando lustro al loro territorio che invece non li considera e li costringe anche ad allenarsi in altri impianti regionali (o fuori regione).

Sarebbe il momento, viste le grandiose notizie provenienti da questi Campionati Italiani, che qualcosa cominciasse a muoversi, altrimenti tra qualche anno questi giovani talenti potrebbero abbandonare Avezzano o, peggio, l’atletica leggera, ed è un rischio che non si dovrebbe correre.