Lavaredo Ultra Trail 2019, i marsi alla conquista delle Tre Cime



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Cortina – Partirà questa sera alle 23 la 19^ edizione della “Lavaredo Ultra Trail“, 120 km con dislivello 5800 m+ e a rappresentare la nostra Marsica ci saranno gli Ultra Atleti Carmine Fatato, Domenico Pietrantoni, Pietro Di Renzo e Raffaele D’Agostino del GS Celano e Gennaro Tufano della Plus Ultra Trasacco. Il percorso che si snoda sulle magnifiche Dolomiti è classificato con il bollino rosso EE: itinerario per escursionisti esperti, per i quali è richiesta la capacità di muoversi su terreni particolari, tracce o sentieri impervi o infidi (pendii cin affioramenti rocciosi o detritici), talora esposti. Partenza da Cortina e poi via verso il Passo Tre Croci, Forcella Lavaredo, Rifugio Col Gallina, Pian dei Menis, Passo Giau (solo per citare alcuni luoghi lungo i quali si snoda il percorso) per poi tornare a Cortina.

Nelle gare Ultra come questa è previsto materiale obbligatorio che ogni concorrente deve avere con se:

– camelbag o portaborracce che contenga almeno un litro di liquidi
– pettorale di gara ben visibile durante tutta la durata della corsa
– telo di sopravvivenza
– fischietto
– telefono cellulare acceso ma con suoneria disattivata
– giacca impermeabile con cappuccio incorporato e realizzata con membrana tipo Goretex, minimo 10.000 Schmerber, adatta a sopportare condizioni di maltempo in gara
– maglia a maniche lunghe
– pantaloni lunghi o che coprano almeno il ginocchio
– cappello o bandana
– guanti
– lampada frontale con pile di ricambio
– tazza, bicchiere o borraccia
– calzature adeguate

Oltre al tempo massimo di 30 ore ogni atleta dovrà raggiungere i vari cancelli entro i tempi indicati nel regolamento con un servizio scopa che percorrerà il tragitto seguendo l’ultimo concorrente in modo da essere d’aiuto ai ritirati ed evitare che eventuali infortunati restino senza assistenza. Ad ogni atleta viene consegnata una sacca dove inserire indumenti di ricambio da utilizzare alla base-vita di Cimabianche prevista al 66° km.

Non ci resta che fare un grosso in bocca al lupo a tutti e appuntamento per il resoconto di questa avventura!