13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
13 Gennaio 1920: il deputato Erminio Sipari celebra la Marsica a 5 anni dal terribile terremoto del 1915
Marsica – Erminio Sipari (Alvito 1869 – Roma 1968) è spesso ricordato per essere stato il fautore e primo presidente del Parco nazionale d’Abruzzo, uno dei pionieri della conservazione...
Castello baronale dei Colonna (Avezzano)
L’arrivo dei  Colonna nella Marsica: amministratori del feudo in fermento nel 1653
Dopo la morte di Marcantonio (24 gennaio 1659), gli successe nei possedimenti marsicani Lorenzo Onofrio Colonna che, alla metà degli anni ottanta del XVII secolo, incappò nella celebre guerra di successione...
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum: dove si trovavano le località citate da Tito Livio?
È vero: Aquiloniam, Cominium, Velia, Palumbinum ed Herculaneum non sono località dell’Abruzzo. Però va anche detto che fino al 1963 l’Abruzzo e il Molise erano una sola Regione, ed ecco spiegato il mio...
pieralice
Giacinto De Vecchi Pieralice, un erudito tra il carseolano e Roma
Giacinto De Vecchi Pieralice (1842-1906) fu un intellettuale con vasti interessi culturali nel campo umanistico e storico. Nacque a Castel Madama (RM) il 16 dicembre 1842 da Michele Pieralice ed Eufrasia...
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Due donne di Civita d'Antino ritratte nei pressi di Palazzo Ferrante dal famoso artista danese Kristian Zahrtmann nel 1904
Civita d’Antino – Il titolo originale dell’opera di Kristian Zahrtmann di cui parliamo è “Udenfor Seminariemuren i Civita d’Antino” che, tradotto in italiano, diventa...
Come vestivano i banditi Scarpaleggia e Simboli
Il banditismo nella Marsica nei secoli XVI-XVIII: complicità, aberrazioni e compromessi
Lo storico Julian Paz y Espeso, nella sezione manoscritti della Biblioteca Nazionale di Spagna (Archivio Simancas) ha sostenuto che nella prima metà del Seicento, prevalse nel viceregno napoletano il giudizio...
La necropoli di Val Fondillo
La necropoli di Val Fondillo
Opi – La presenza dell’uomo nel nostro territorio è documentata sin dal Paleolitico, tra 300.000 e 120.000 anni fa, quando quest’area era occupata da gruppi di cacciatori in cerca di cibo, quindi...
Inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona il 18 Luglio 1888: per la prima volta il treno attraversò la Marsica
Inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona il 18 Luglio 1888: per la prima volta il treno attraversò la Marsica
Marsica – L’inaugurazione della ferrovia Roma-Sulmona nel 1888 fu un evento di grande importanza per l’Italia perché segno un passo fondamentale nello sviluppo delle infrastrutture di trasporto del...
Cerca
Close this search box.

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelo Pietrangeli
Angelo Pietrangeli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Pietro Mazzulli
Pietro Mazzulli
Vedi necrologio

C’è stato un tempo lontano in cui la vita scorreva lenta, cadenzata dal passaggio delle stagioni. In cui le persone si rispettavano e si aiutavano, perché tutti avevano poco, e nessuno era meglio dell’altro. Un tempo dove l’odore del pane riempiva le case, e nelle stalle non c’erano automobili ma carretti trainati dai cavalli o dagli asini. Ed i bambini giocavano in strada, ridevano, correvano, si confrontavano tra loro. Era un tempo povero, senza televisione, radio, internet e si faticava per vivere, ma era anche molto ricco, pieno di semplicità, di fratellanza, di condivisione. Allora si guardava al futuro, convinti che tutto sarebbe migliorato ma non cambiato, che il progresso avrebbe portato tutto quello che mancava per essere felici.

Ma nel lungo cammino percorso abbiamo lasciato indietro parecchie cose importanti, non con coscienza o volontà, solo per negligenza, perduti nel tempo. Adesso che la tecnologia ci domina, ci voltiamo indietro e lontano, tra le pieghe del tempo, scorgiamo quelle cose che adesso ci mancano e che inconsciamente ricerchiamo, e ce ne accorgiamo ogni qualvolta posiamo gli occhi sulle persone che ci circondano, chiuse nei loro mondi fatti di chat e indifferenza, troppo presi dalla frenesia dell’arrivare, chissà poi dove. La nostra vita si è modificata, più comoda, più sicura.

Ci riuniamo ancora intorno ad un tavolo per cenare ma la televisione ci cattura e non parliamo, non ascoltiamo. Ignoriamo chi ci abita accanto e se qualcuno chiede, noi non diamo. Abbiamo tutto eppure siamo diventati più poveri di quanto lo potevamo essere in passato. I vecchi stanno morendo, ed il ricordo di quei tempi lontani sta svanendo con loro ma se chiudiamo gli occhi per un momento potremmo tornare lì, nell’autunno di una Marsica antica, e vedere i grappoli maturi brillare al sole, ancora penduli. Le vendemmiatrici non si fanno attendere troppo, e vengono con le ceste, con le bigonce, con le forbici e con i loro canti gioiosi, che sempre le accompagna. Anche i bambini partecipano alla festa e piluccano l’uva con le labbra e con i denti .

Poi, a poco a poco, i canti della vendemmia si spengono, il sole impallidisce, l’aria si fa fredda. Le ultime rondini circolano ancora una volta nel cielo, si raccolgono, si riconoscono e spiccano il volo verso lidi più miti. Le mandrie scendono dai monti e lentamente si avviano verso il Tavoliere delle Puglie o verso l’Agro romano. Anche le foglie si separano dagli alberi, abbandonate al loro destino. Giù, tra le nebbie della valle, fischia il cacciatore, ed il contadino, con gesto ampio e sicuro, getta nella terra arata i nuovi semi. Una grande tristezza invade l’anima, e una voce senza suono parla dolcemente al cuore. È il ricordo di tutte le persone care che troppo facilmente abbiamo dimenticato durante l’anno, e che attendono da noi il tributo d’amore per la loro ricorrenza. L’aroma della legna bruciata si espande nell’aria, segno che i camini scaldano le case, e nelle pentole cuociono le prime castagne.

Le famiglie si riuniscono nelle cucine, e le chiacchiere riempiono le lunghe sere d’autunno. Presto arriverà l’inverno ed il calore delle persone care avvolgerà le abitazioni come una coltre di spessa lana, mentre fuori la neve stenderà il suo manto candido sulla natura addormentata. Dai soffitti delle cantine penderanno i prosciutti, i salami, le salsicce e le dispense si riempiranno dei frutti del lavoro estivo: grano, mais, patate, mele. . . Saranno la ricchezza delle mense durante l’inverno. L’autunno è arrivato con le sue mille sfumature di oro, bronzo, verde e marrone e l’uomo sa che è quasi tempo di riposarsi. Ottobre passerà, poi novembre e tornerà dicembre.

Oggi come allora i mesi arriveranno, uno dopo l’altro, ma ciò che non tornerà più sarà quel senso di genuinità, di convivenza, di condivisione per una sorte comune, di appartenenza, di fratellanza, di solidarietà che solo chi non ha nulla conosce. Abbiamo pagato a caro prezzo il progresso, perché le cose perdute erano ,forse, quelle che facevano di noi esseri umani degni di questo nome.

PROMO BOX

FB_IMG_1716223877738
pietrucci-pierpaolo
WhatsApp Image 2024-05-20 at 12.48
60 mila prodotti contraffatti finiti sotto sequestro grazie alle indagini eseguite dalle Fiamme Gialle
Pescasseroli si prepara alla magnifica infiorata del Corpus Domini, i lavori prenderanno il via il 1° Giugno
Cammino dell'Accoglienza, 3 giorni di trekking dalla Valle Roveto ad Avezzano attraverso la montagna di Luco e la cresta del Salviano
L'antica Torre medievale di Collarmele è interessata da lavori di manutenzione straordinaria
Avezzano si prepara a commemorare le circa 100 vittime civili del bombardamento del 1944
Comune di Capistrello
Lavoro agricolo di qualità e lotta al caporalato: istituzione della Sezione Territoriale della rete nella provincia dell'Aquila
Alone luminoso intorno al sole: il particolare fenomeno ottico in una foto di Arturo Di Felice
Diversi atti vandalici registrati a San Benedetto dei Marsi, sindaco Cerasani: "Abbiamo raggiunto il limite, faremo denuncia"
IMG-20240520-WA0003
Il 20 Maggio è la Giornata Mondiale delle Api, fondamentali rigeneratrici di biodiversità
FIAB L’Aquila "Più Bici in Città" propone la Pedalata per Alfonsina Strada, in memoria dell'impresa al Giro d'Italia 1924
Il trasaccano Biagio Venditti protagonista, insieme a Diego Abatantuono, del film "L'ultima settimana di settembre"
Cammino dei Briganti
FB_IMG_1716189675115
Nuova opera street art a Pescocanale, il Comitato Feste 2023 regala un murale dedicato ai migranti
WhatsApp Image 2024-05-20 at 08.28
688A1481-1536x1024
Sandro Di Addezio, presidente UNPLI Abruzzo
valle
WhatsApp Image 2024-05-19 at 19.18

NECROLOGI MARSICA

Necrologi Marsica Vittoria Cornacchia
Vittoria Cornacchia
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Anna D'Amico
Anna D'Amico
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Luigi Iacoboni
Luigi Iacoboni
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Livia Di Pasquale
Livia Di Pasquale
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Angelo Pietrangeli
Angelo Pietrangeli
Vedi necrologio
Necrologi Marsica Pietro Mazzulli
Pietro Mazzulli
Vedi necrologio

Testata giornalistica registrata al Tribunale di Avezzano (AQ) n.9 del 12 novembre 2008 – Editore web solutions Alter Ego S.r.l.s. – Direttore responsabile Luigi Todisco.

TERRE MARSICANE È UN MARCHIO DI WEB SOLUTIONS ALTER EGO S.R.L.S.

Non è possibile copiare il contenuto di questa pagina