L’Associazione “Ciao TUTU” ha donato dispositivi di protezione individuale all’Ospedale di Avezzano



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – L’Associazione “Ciao TUTU”, nata in ricordo di Alessio Di Pasquale,  lo studente universitario di Antrosano, una delle 309 vittime del terremoto del 6 aprile 2009 a L’Aquila, ha deciso di contribuire all’emergenza sanitaria con un aiuto all’Ospedale di Avezzano.

In accordo con la Direzione Sanitaria dell’Ospedale ha acquistato e consegnato Dispositivi di protezione individuale (gambali e tute) per aiutare a fronteggiare l’eccezionalità della situazione e si è inoltre resa disponibile a dare un ulteriore contributo per far fronte alla carenza di altri dispositivi per la tutela del personale sanitario impegnato nella lotta al Covid-19.

L’Associazione coglie l’occasione per informare che quest’anno, non potendosi svolgere alcuna commemorazione pubblica a causa delle restrizioni per prevenire il diffondersi del contagio, ha deciso di abbracciare l’iniziativa proposta dai Comitati Familiari delle Vittime e dal Comune dell’Aquila: “Una luce per non dimenticare”, che invita ad accendere, la notte tra il 5 e il 6 aprile, una candela o un lume alla finestra o al balcone, per essere tutti uniti nel ricordo delle 309 vittime del sisma del 2009 e di chi ha perso la vita a causa di questo virus.