L’associazione Agricoltori all’Udienza Generale con il Santo Padre



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Luco dei Marsi – Un nutrito gruppo dell’associazione Agricoltori di Luco dei Marsi, accompagnati da don Giuseppe Ermili, ha partecipato nella giornata di mercoledì all’Udienza Generale in piazza San Pietro, dove Papa Francesco ha incontrato i fedeli provenienti dall’Italia e da ogni parte del mondo.

“Una bellissima giornata dedicata alla riflessione e alla fede, soprattutto con la gioia di aver potuto condividerla con tanti amici”, ha detto Franco Paris, presidente dell’Associazione di promozione culturale che, costituita nel 2005 con il vicepresidente Umberto Buschi, Antonio Di Paolo,  Roberto Panella, Tiziano Raglione, Sante Di Pasquale e Giuseppe Patrizi, conta oltre 400 soci, tra cui diversi sindaci marsicani. Salutando i pellegrini, il Santo Padre ha comparato l’inizio della primavera e la vita degli alberi e delle piante alla vita spirituale di ognuno.

Per i membri dell’associazione degli Agricoltori, emozionati, non poteva esservi esempio più calzante: “Quello che l’albero ha di fiorito”, ha detto infatti papa Francesco in chiosa, “Viene da quello che ha di sotterrato”, riferendosi alle radici delle piante e alla fede nella vita degli uomini. Dopo aver riassunto la Sua catechesi in diverse lingue, il Santo Padre ha indirizzato particolari espressioni di saluto ai gruppi di fedeli presenti e ha annunciato il suo viaggio a Dublino in occasione del IX “Incontro Mondiale delle Famiglie”.

I membri dell’Associazione hanno poi partecipato alla Santa Messa, dedicata alla memoria degli agricoltori del Fucino defunti, celebrata da don Giuseppe nella chiesa di Santo Spirito in Sassia, accanto alla basilica di San Pietro. L’associazione Agricoltori è promotrice di iniziative di livello per la valorizzazione dell’area fucense, dell’agricoltura e della cultura dell’ambiente, ed è stata in prima linea nelle battaglie a difesa del territorio, tra cui quella contro l’insediamento della Powercrop.




Lascia un commento