L’appello di Nazzareno Di Matteo su Facebook: “Le amministrazioni pubbliche devono promuovere la diffusione dell’educazione sportiva, ricreativa e culturale”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano – È ricco di spunti riflessivi il post pubblicato su Facebook da Nazzareno Di Matteo, una delle colonne portanti della Pinguino Nuoto di Avezzano, che sottolinea l’importanza dell’attività sportiva e ricreativa, motivo per cui necessita della massima attenzione delle amministrazioni pubbliche.

Queste le sue parole: “Fidatevi, lo sport, le attività motorie, sono fondamentali per lo sviluppo psico’fisico delle persone. Le amministrazioni pubbliche devono promuovere la diffusione dell’educazione sportiva, ricreativa e culturale di tutte le classi sociali e di tutte le fasce d’età, garantendone l’accessibilità e soddisfacendo gli interessi generali dei cittadini. Sapendo che l’utilizzo degli impianti sportivi è un servizio “a domanda individuale”, i comuni devono recuperare le spese per il loro funzionamento.

È necessario costruire un nuovo patto, fra amministrazione e cittadini, ridefinendo ruoli e responsabilità delle amministrazioni e società sportive. Gli enti locali hanno la possibilità di avviare un forte rinnovamento che passa attraverso la corretta gestione degli impianti per qualificare la propria azione amministrativa.

Per questo devono stabilire:

  1.  le modalità di gestione degli impianti
  2. il coordinamento delle attività delle società sportive
  3.  le modalità di utilizzo e le priorità d’accesso
  4.  fasce orarie
  5. l’individuazione delle società idonee allo sviluppo delle attività sportive
  6.  i costi dell’uso dell’impianto e le relative tariffe.

Dopo anni finalmente nello sport non esiste più la figura del volontariato, inteso come lavoro volontario, questo ha favorito, nuova occupazione per i laureati in scienze motorie e Isef ed ha contribuito a ridurre il lavoro nero.
Solo in un quadro di principi, regole, obiettivi e verificandone i risultati, si evita la “clientela” e il “favore” retaggio di un vecchio modo di organizzare il consenso politico, che ha prodotto impianti sportivi fatiscenti e inagibili, per sostituirlo con criteri di efficienza ed efficacia. Compito dell’amministrazione è quindi quello di definire gli strumenti per il controllo di qualità dei servizi al cittadino anche se affidati in gestione”.