La prefettura vieta esposizione manifesti in balconi e finestre. De Angelis si adegua: “Chiediamo lo facciano anche gli altri”



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

Avezzano. La prefettura di L’Aquila ha disposto, come da verbale d’intesa del 23 maggio 2017 pubblicato sul suo sito ufficiale, le indicazioni operative sulla propaganda elettorale, stabilendo tra l’altro, citiamo testualmente, “il divieto di affissione e apposizione di materiale di propaganda elettorale nelle vetrine dei negozi, sulle porte, sulle finestre e sui balconi, anche nel caso in cui l’immobile sia sede di un comitato elettorale”.

Con lo stesso provvedimento, il prefetto impone al sindaco di far “defiggere i manifesti indebitamente affissi in posti differenti dagli appositi spazi elettorali” e penso a certi manifesti che, addirittura in piazza Risorgimento, sono stati incollati non solo sulle vetrine ma persino sul muro!!! Per quanto ci riguarda – rende noto il candidato sindaco Gabriele De Angelis – abbiamo immediatamente provveduto a eliminare ogni immagine elettorale dalle vetrine delle nostre sedi ed abbiamo comunicato a tutti i candidati della nostra coalizione, che non avessero avuto conoscenza dell’atto prefettizio, a fare altrettanto immediatamente. Invitiamo i nostri competitori a fare lo stesso, attendendo fiduciosi che a dare l’esempio sia proprio il sindaco uscente, cui spetta tra l’altro, lo ripetiamo, l’onere di far rimuovere ogni manifesto illecitamente posto al di fuori degli spazi consentiti”.



Lascia un commento