La marsicana Isabella Di Iulio ai Giochi del Mediterraneo di Pallavolo



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Pescina – L’alzatrice marsicana Isabella Di Iulio farà parte della rappresentativa azzurra femminile di pallavolo ai prossimi Giochi del Mediterraneo, guidata dal tecnico Massimo Bellano, in programma a Terragona, in Spagna, dal 22 giugno al 1° luglio.
Per questa occasione il commissario tecnico tricolore Davide Mazzanti non ha voluto convocare nessuna “veterana” per la kermesse, ma ha deciso di dare spazio ad altre giocatrici tra le quali figura la palleggiatrice marsicana Isabella Di Iulio.
Nata a Pescina il 26 novembre del 1991, alta 175 centimetri, Isabell Di Iulio fa il suo esordio nella pallavolo nel 1996 con la Marruviana Volley, in serie D.

Si affaccia al volley nazionale nella stagione 2008-09 con la maglia della Brunelli Nocera Umbra, esordendo in serie A2 il 21 dicembre 2008. In quella stagione, agli ordini di coach Mauro Marasciulo, arriva alla finale promozione per la A1. Conclusa l’esperienza alla Brunelli, Di Iulio prosegue la gavetta alla Pallavolo Trevi (Perugia) in B1 e all’Arabona Manoppello in B2 (Pescara). L’esperienza nei campionati minori è stata determinante per la chiamata in serie A2 alla Esse-ti La Nef Loreto (2011-12), guidata da coach Andrea Pistola. In quella stagione conquista la Coppa Italia di categoria. La stagione successiva passa alla Puntotel Sala Consilina in A2. Archiviata la parentesi in Campania passa alla Snoopy Pesaro in B1 (2014-15) con Matteo Bertini allenatore. In tre stagioni conquista due promozioni dalla B1 alla A2 (2015) ed una dalla A2 alla A1 (2017), condita dai play off (2016). Nel 2017-18 gioca alla Savino del Bene Scandicci (A1), con Carlo Parisi coach, dove trascina la formazione toscana alle semifinali scudetto.

Oggi la convocazione in Nazionale per i Giochi del Mediterraneo.

Una carriera sportiva di tutto rispetto ma in fondo ancora tutta da “giocare” e un orgoglio marsicano da tifare e sostenere.




Lascia un commento