La ASL1 assume 81 infermieri per le vaccinazioni anti Covid



Condividi su facebook
Condividi su whatsapp
Condividi su telegram
Condividi su linkedin
Condividi su email
Condividi su print

AvezzanoLa Asl si accinge ad assumere 81 infermieri, a tempo determinato, da utilizzare soprattutto per l’imminente avvio della vaccinazione anti Covid (il 2 gennaio) e, più in generale, per rafforzare i ranghi degli ospedali e migliorare i livelli di assistenza. Gli uffici competenti hanno ultimato i passaggi amministrativi e ieri l’adozione della delibera del manager Roberto Testa segna la conclusione dell’iter necessario per dar corso alle assunzioni.

Già dai prossimi giorni verranno diramate le convocazioni per arrivare, in più step, all’immissione in servizio degli 81 infermieri. Le assunzioni verranno fatte sulla base della graduatoria predisposta in seguito all’avviso pubblico a cui hanno risposto 2300 candidati, residenti in diverse regioni d’Italia, di cui 2222 giudicati idonei. All’assunzione degli 81 infermieri seguirà l’immissione in servizio di ulteriore personale infermieristico in relazione alle esigenze dell’Azienda. 

La Asl ha scelto di seguire la strada dell’avviso perché è molto più rapida rispetto ai tempi di espletamento del concorso pubblico, peraltro bandito, e consente di rafforzare la dotazione di personale in una fase molto delicata a causa dell’emergenza Covid. Gli 81 infermieri, di prossimo approdo alla Asl, verranno impiegati anche per effettuare la vaccinazione Covid, che inizierà a partire dal 2 gennaio prossimo

A questo proposito la macchina logistica dell’Azienda sanitaria si è messa tempestivamente in moto per definire gli ultimi aspetti organizzativi ed essere pronta ad entrare in azione. Il nuovo personale che verrà reclutato tramite la graduatoria, sarà utilizzato, oltreché per far fronte alla pandemia, per sostituire coloro che si assenteranno per malattia e per colmare i vuoti d’organico dovuti ai pensionamenti. 

Con l’inserimento di nuovi operatori, l’azienda sarà inoltre nella possibilità di introdurre la figura dell’infermiere di famiglia che seguirà i malati a casa, soprattutto per le problematiche riguardanti le cronicità, nell’ottica del potenziamento del territorio. Un ringraziamento sincero va al personale amministrativo che in queste ore si sta adoperando, senza sosta, per garantire l’espletamento di tutte le necessarie procedure.