La 9° Edizione del GiovencoTeatroFestival, ieri, ha fatto tappa a Gioia dei Marsi e a Casali d’Aschi



Condividi su facebook
Condividi
Condividi su whatsapp
INVIA
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Condividi su print
Stampa

Dal 9 al 29 agosto, si tengono ventidue appuntamenti per un festival itinerante tra i boschi della Valle del Giovenco e i paesi di Bisegna, San Sebastiano dei Marsi, Pescina, Gioia dei Marsi, Casali d’Aschi e Opi.

Da lunedì 9 agosto il GiovencoTeatroFestival torna ad animare le sponde del fiume omonimo, tra sentieri nelle faggete e nei meleti, fino a vicoli e piazze dei paesi che ne condividono lo scorrere delle acque, del tempo e della Storia.

Una serie di eventi organizzati da Mascaró, con il sostegno del Comune di Bisegna e del ParcoNazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, con la collaborazione dei Comuni di Pescina, Gioia dei Marsi, Opi e con il Patrocinio di: Regione Abruzzo, Provincia dell’Aquila, Parco Naturale Regionale Sirente Velino e la collaborazione dell’Ass. Montagna Grande.

Il GiovencoTeatroFestival si  è aperto con una passeggiata notturna fra San Sebastiano dei Marsi e Bisegna, guidata dall’erborista Annalisa Cantelmi, per scoprire come cambiano le piante dal giorno alla notte; guidati dalle stelle sotto il cielo di San Lorenzo.

La giornata gioiese è iniziata alle dieci del 18 agosto al Parco giochi e pic nic di Gioia, ha fatto tappa in  Piazza  Costituzione, per poi raggiungere la piazza e il laghetto di Casali d’Aschi. 

Numerosi bambini, accompagnati da mamme e da nonne, hanno seguito con interesse le canzoni popolari ed hanno ballato con entusiasmo la quadriglia al suono della cornamusa e del “du botte”.

Per l’amministrazione civica erano presenti Emiliana Longo, avvocato e vicesindaco  e Vincenzo Casasanta, consigliere con delega alla cultura.

Tutte le attività del Festival sono gratuite, previa prenotazione online o telefonica e sono state pensate e organizzate nel rispetto delle normative ANTICOVID-19 e dei protocolli di sicurezza vigenti, per garantire la totale sicurezza di organizzatori e partecipanti.

Il Festival vuole essere un incontro fra Arte e Natura, fra comunità locale e artisti provenienti da varie parti del mondo. «Un incrocio di vite, di maestranze, un fluire di saperi da condividere e soprattutto da donare», illustra Andrea Bartolomeo, attore e regista teatrale, direttore artistico del Festival.

I prossimi appuntamenti:

– Martedì 24 agosto, alle ore 09.00, con partenza da San Sebastiano dei Marsi, si terrà una “Passeggiata erboristica” intitolata Erbe, Miti, Leggende, Superstizioni e Tradizioni locali, a cura dell’Erborista, Annalisa Cantelmi;

Dal 24  al 29 agosto, a Bisegna e a San Sebastiano dei Marsi, si terrà il Ritiro Yoga “Riscopriamo il sole”, a cura di Angelica Portioli (Insegnante Ashtanga Yoga e Yoga Ayuevedico) e di Eva Babbini (Insegnante Hata Yoga e operatore cristallino);

Domenica, 29 agosto, alle ore 17, a Opi, si terrà Erbe et urbe, una passeggiata erboristica e poetica nel paese, a cura dell’erborista Annalisa Cantelli e di Alberto Santucci, attore.

Con quest’ultimo appuntamento il Festival chiude i battenti per quest’anno e dà appuntamento al 2022.